Il punto sui tre gironi di Lega Pro

IL PUNTO SULLA LEGA PRO - 12' GIORNATA

La dodicesima giornata del campionato di Lega Pro sembra essersi giocata la notte di capodanno; saltano come tappi di bottiglie di spumante alcune panchine e le società cominciano a prendere le prime importanti decisioni cercando di raddrizzare situazioni più o meno complicate.

Una lega Pro che ogni settimana mette in vetrina personaggi, squadre, tifoserie e  conferma essere stata una scelta azzeccata la riduzione delle squadre e il nuovo format dato alla terza categoria professionistica italiana.

Un campionato che parla nettamente italiano, essendo la serie con meno stranieri, un quinto rispetto alla serie A e la metà rispetto alla serie B, percentualmente parlando

GIRONE A                  

Cominciamo parlando di Arezzo; purtroppo alla squadra di Mister Capuano non riesce mantenere l'imbattibilità al Città di Arezzo ed il Venezia riuscendo a capitalizzare le poche occasioni concesse dagli amaranto, porta a casa i tre punti.

L'Arezzo paga la flessione fisica di molti dei suoi giocatori, una infermeria sempre piena ed una rosa ridotta all'osso e carente in alcuni ruoli. Nonostante ciò la squadra del tecnico campano crea molto, rispetto alle precedenti partite, ma due pali, le parate del portiere veneziano e la poca lucidità in fase offensiva vanificano la prova di orgoglio degli amaranto che mostrano anche qualche crepa nel reparto difensivo, vero punto di forza della squadra.

Detto questo, bisogna dar giusto merito ad una formazione, quella di Mister Serena, che è, senza dubbio, la squadra migliore vista ad Arezzo.

Con una coppia gol che, attualmente, più bella non c'è il Bassano si conferma prima forza del campionato con il migliore attacco da record assoluto tra le sessanta componenti del campionato di Lega Pro. I gemelli del gol portano il nome di Nolè e Pietriblasi autori di sei reti a testa, la metà di quelle segnate dalla matricola veneta, autentica sorpresa di inizio stagione.

Sorprendente Monza, vince a Cremona e si porta al secondo posto; un applauso ai giocatori e all'allenatore Pea che, nonostante la difficile (direi drammatica) situazione societaria, riesce a tenere alta la concentrazione ed i risultati in campo sono inversamente proporzionali alla crisi in seno ai vertici societari.

Ecco il Novara! Signori, la regina pronosticata del girone sta arrivando; passato il momento di sbandamento iniziale, dovuto alla delusione del mancato ripescaggio in B, visto in terra piemontese come un torto subìto, la squadra ha cominciato a mettersi sulla lunghezza d'onda della categoria e ne sa qualcosa l'ex capolista Como surclassata al "Piola" da un rotondo ed eloquente quattro a zero che non ammette repliche. Bentornato anche a Pablo Gonzalez, un lusso, grandissimo lusso per questa categoria.

Note di merito per il sorprendente Real Vicenza che sale al secondo posto e per il Lumezzane che, grazie ad un gol di Ekuban vince dopo dieci giornate di digiuno battendo e fermando la corsa del Pavia

Dispiace iniziare le noti dolenti sempre, parlando del Pordenone, purtroppo la situazione va di settimana in settimana peggiorando, nove sconfitte, cinque di fila, difesa che prende, di media, due gol a partita e le distanze dalla zona salvezza stanno diventando abissali. Mister Foschi ha rassegnato le sue dimissioni, ma la società sembra orientata a confermarlo.

Sesta rete segnata dall'Albinoleffe e sesta rete segnata da Momentè, incredibile ma vero! Purtroppo l'attaccante dei lombardi non è attrezzato ancora per i miracoli e la sua rete non evita la sconfitta casalinga contro il Real Vicenza. Naturale conseguenza di questa situazione l'esonero di mister Pala, per la sostituzione il Presidente Andreoletti ha optato per una soluzione interna promuovendo Bonazzi il tecnico della Berretti.

E tanto per restare in tema, salta anche la panchina del Sudtirol, dopo il brutto scivolone di Salò, la società ha dato il benservito a Mister Rastelli

Capocannonieri del girone sono Bruno del Real Vicenza e Fischnaller con sette reti

GIRONE B -

Vola, capolista solitaria, l'Ascoli di Mister Petrone che, nello scontro diretto al Mapei Stadium, sconfigge nettamente la Reggiana con un gol per tempo.

Girone in cui regna l'equilibrio con otto squadre nel giro di cinque punti; la Spal approfitta della pochezza della Pro Piacenza per sconfiggerla a domicilio e portarsi al secondo posto.

TuttoCuoio che vince il derby con il Pontedera grazie ad una doppietta di Colombo, quinta vittoria e terzo posto in graduatoria.

Sembra volgere alla fine l'avventura del tecnico spagnolo Covelo; il suo San Marino subisce la sesta sconfitta di questo campionato perdendo l'incontro casalingo con il Teramo.

Non gli è da meno la Pro Piacenza, fanalino di coda con soli tre punti; la penalizzazione di otto punti pesa come un macigno sulle prestazione della squadra emiliana che sembra non credere piu' alle possibilità di salvezza; ennesima sconfitta casalinga contro la Spal per la formazione  di Mister Franzini.

Conero stregato per l'Ancona che viaggia a medie altissime in trasferta ma che in casa hanno vinto una sola volta su sei; pari a reti inviolate contro il Santarcangelo e posizioni di vetta che si allontanano.

Nelle prime posizioni della classifica dei marcatori troviamo Arma del Pisa con nove reti seguito da Bocalon del Prato con otto

GIRONE C -

SPECCHIO SPECCHIO DELLE MIE BRAME, CHI E' LA PIU’ BELLA DEL REAME?

 Indovinate un po'.. Troppo facile vero? la vera dominatrice del girone C è il Benevento, unica formazione imbattuta di tutta la Lega Pro, otto vittorie e quattro pareggi, una difesa granitica e quasi imperforabile. La Casertana, vittima sacrificale, vede le "streghe" e si inchina ai padroni del campionato.

Continuano a volare le vespe della Juve Stabia che in un ambiente infuocato battono l'Ischia e si portano al secondo posto in coabitazione con la Salernitana che batte il Catanzaro in uno scontro d'alta classifica davanti a settemila spettatori; gol vittoria, tra il tripudio dell'Arechi, di Caetano (autore di una doppietta) quando il pareggio sembrava materializzarsi.

Prima vittoria in questo campionato per il Melfi , squadra che perde poco, ma che con i suoi nove pareggi non riusciva a fare il salto di qualità; ne fa le spese la Reggina, nobile decaduta.

Niente da fare, la Reggina è in caduta libera e, per la prima volta, mister Cozza viene messo in discussione e l'esonero, sembra quasi l'unica soluzione per tentare di risollevare una squadra che sta sprofondando, senza dare segnali confortanti. I calabresi, complice anche la penalizzazione di quattro punti, si trovano attualmente al penultimo posto della classifica e urge una inversione di tendenza per cercare di salvare una stagione nata con ben altri obiettivi.

Fatale a Mister Moriero la sconfitta nei minuti di recupero subìta a Salerno; il suo Catanzaro, nonostante sia ancora in corsa per i play off, nelle ultime giornate ha perso lo smalto iniziale e, purtroppo l'avvicendamento degli allenatori sembra sia il solo metodo conosciuto dalle società quando i risultati cominciano a scarseggiare.

Unica squadra nei tre gironi a non aver mai vinto è l'Aversa Normanna e l'ultima posizione in classifica ne è la logica conseguenza.

Insigne della Reggina, Caetano della Salernitana e Del Sante della Vigor Lamezia guidano la classifica dei marcatori del girone con sei reti.

 

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto