L'AREZZO CONQUISTA TRE PUNTI PESANTISSIMI NONOSTANTE UNA GIORNATA STORTA

L'AREZZO CONQUISTA TRE PUNTI PESANTISSIMI NONOSTANTE UNA GIORNATA STORTA

Il calcio prende, il calcio dà; ricordiamocelo quando saremo a mangiarci le mani, come spesso abbiamo fatto, per una vittoria mancata, per una rimonta subìta, per una sconfitta immeritata.

Chiedere ai giocatori dell'Olbia e a Mister Filippi come ci si sente al fischio finale dell'arbitro.

L'Arezzo gioca forse una delle sue più brutte partite al Comunale; c'è da capire dove finiscono i meriti dell'Olbia e dove iniziano i demeriti amaranto.

Vento e campo in pessime condizioni possono essere un alibi per la prestazione amaranto... ma non più di tanto; l'Olbia si è dimostrato avversario difficile da affrontare, arcigno, fisico, appiccicoso con il gioco atto a sfruttare la potenza fisica di Ogunseye e lo strapotere del colombiano Ceter in possesso di una progressione impressionante.

Due nomi e due occasioni sprecate dai sardi, quella di Ceter è apparsa colossale così come il suo errore.

Ed in una partita in cui i tiri in porta si potevano contare su una mano monca, le due occasioni mancate pesano come macigni, considerato poi che la legge non scritta ma infallibile del calcio... GOL FALLITO, GOL SUBITO, cala come un machete sulle teste dei giocatori dell'Olbia quando al minuto 89 Burzigotti, dall'alto della sua esperienza e della sua statura, raccoglie di testa un corner di Serrotti mirando quell'angolino basso laddove Marson non può arrivare.

Sotto la Minghelli, sotto quella curva che ha celebrato in questa giornata Lauro; forse non è un segno del destino, ma sicuramente la lassù, anche lui avrà esultato.

Nel primo tempo l'Arezzo ha stentato a prendere le misure ai sardi, e Pelagotti è chiamato in causa deviando prima una punizione di Biancu, poi a chiudere con bravura su una incursione di Ceter che gli si era presentato davanti pericolosamente se pur in posizione defilata.

Amaranto al tiro con Rolando, troppo poco nonostante la volontà, rimasta tale in molte occasioni, di creare gioco semre e comunque.

La ripresa è ancora più brutta del primo tempo, amaranto imprecise forse in calo fisico e Olbia che si affida ai lanci in profondità per i due attaccanti

E proprio in due giocate del genere l'Olbia va due volte ad un soffio dal gol del vantaggio.

Nel finale Mister Dal Canto effettua i cambi a disposizione nell'intento di mettere in campo forze fresche per non rischiare ulteriormente e cercare di alzare il baricentro del gioco.
Ma quando la partita si avviava alla fine con un risultato che era ben lungi dal pensare di poter essere schiodato, l'incursione di Burzigotti, il suo colpo di testa, i tre punti e poi tutti sotto la curva a festeggiare assieme ai tifosi....assieme a LAURO

Riccardo Bonelli





17.09.2019 1290281

IO, OTELLO CELIA.

Leggi Tutto

15.09.2019 1290281

L'AREZZO STENTA E NON DECOLLA

Tre partite , tre matricole da affrontare, tre risulati diversi che non contribuiscono a dare un giudizio su questa squadra, sul modulo applicato da Mist [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

PERGOLETTESE - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK
COSA E' MANCATO? LA VAR ED UN CENTRAVANTI DI NOME E DI FATTO

PISSARDO - 4,0 - Partiamo dal finale. Subisci fallo e reagisci davanti al [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

L'AREZZO ESCE CON UN MISERO PUNTICINO CONTRO UNA MODESTA PERGOLETTESE.
FINALE INCANDESCENTE, BELLONI IN PORTA E ARBITRO PROTAGONISTA

L'Arezzo esce dallo stadio di Pergocrem [...]

Leggi Tutto
10.09.2019 1290281

10 SETTEMBRE 1923

10 SETTEMBRE 2019

BUON COMPLEANNO CAVALLINO!

 

 

 

[...]

Leggi Tutto
08.09.2019 1290281

Leggi Tutto