95 ANNI CON GLI AUGURI SPECIALI..(a modo suo...)
  " />

AREZZO 1923-2018 95 ANNI CON GLI AUGURI SPECIALI..(a modo suo...)

AREZZO 1923-2018
95 ANNI CON GLI AUGURI SPECIALI..(a modo suo...)

L'AREZZO oggi compie 95 anni, un bellissimo traguardo, il Cavallino Rampante ne ha passate di tutti i colori, ma nonostante tutto oggi può festeggiare il suo compleanno serenamente.. e solo qualche mese fa questo traguardo sembrava irraggiungibile.

Pianetamaranto vuole ripercorrere parte di questi anni intervistando un personaggio, magari non conosciuto da tutti, ma che ha fatto parte e lo fa tutt'ora di quella schiera di innamorati pazzi per l'Arezzo.
Ci ha chiesto l'anonimato e noi, se pur a malincuore, rispettiamo la sua scelta

ALLORA, DA DOVE COMINCIAMO?
cominciamo con il dire che dei 95 anni ne ho passati, al momento 55 al seguito del Cavallino Non sono vecchio, o almeno non mi sento vecchio... è che fin da quando avevo sei anni ho subìto il fascino amaranto

RACCONTACI COME E' INIZIATA
Ho uno zio che ha indirizzato la mia passione verso il calcio e verso questi colori. 
Veniva a prendermi a casa con la sua 500 e partivamo a tutta velocità , destinazione stadio, già avevo il cuore in gola per la trepidazione... lui il cuore in gola me lo faceva venire fisicamente dato che attraversavamo il passaggio a livello di via Trasimeno a tutta velocità... a volte con le sbarre che stavano chiudendosi, vi lascio immaginare.

DI CHE ANNI PARLIAMO?
Campionato 1964-1965..... la stagione precedente era solo un assaggio, un prendere coscienza di quello che mi stava accadendo. 
Perchè l'amore per l'Arezzo è come il processo di crescita, quel passare da essere bambino al momento in cui la crescita avviene in maniera esponenziale.... ero nell'età della pubertà amaranto...

RACCONTA...
Beh, le possibilità economiche erano quelle che erano, non ci potevamo permettere l'entrata allo stadio, per cui le partite le vedevamo in ...Tribuna alberata, nella collina di San Cornelio. 
Quando riuscivamo ad arrivare presto potevamo permetterci la "Tribuna Feltrinelli"... quei tralicci ancorché duri da scalare ti davano una visione privilegiata delle partite.
Poi scoprimmo....anzi facemmo delle fessure nei pannelli di cemento situata dietro la "Curva Sud" ancora lontana da diventare tale.
Guardavamo la partita appiccicati a quei pannelli, si vedeva bene. 
Unico problema, quando tirava il vento, la polvere di cemento negli occhi, faceva sì che tornassi a casa con due occhi che sembravo un rospo.

RICORDI LA FORMAZIONE DI QUEL PERIODO?
Chiedi troppo, sono nel periodo in cui il rimbambo comincia a farsi galoppante.... 
Comunque il presidente era Golia, l'allenatore il grande Cesare Meucci, per la formazione aspetta che la leggo e te la detto.... DREOSSI TELLINI BONINI PICCHI CHESINI DEL NEGROGERARDI ZANETTI MEROI CECCOTTI FLABOREA.
Ma ti dico la verità, di quella stagione ricordo solo Meroi e Flaborea..... non due giocatori qualunque..

E L'ANNO DOPO?
Indescrivibile, specie visto tutti con gli occhi di un bambino; la promozione in serie B! la prima storica promozione. Una stagione emozionante, ricordo la festa per le vie della città, io e mio zio con la 500, una bandiera e tanta felicità.
Ricordo che il Supermercato Santa Prisca, in occasione della promozione, fece delle buste di plastica, quella per la spesa, di colore amaranto, in cui campeggiava la lettera B.

COME MAI QUESTO RICORDO COSI' DETTAGLIATO E VELATO DI COMMOZIONE?
Beh, vedi, quei semplici sacchetti di plastica amaranto, divennero le nostre divise quando andavamo ad emulare le gesta dei nostri eroi nei campini del Gattolino.
Tagliavamo il fondo delle buste e i sacchetti calzavano a pennello sulle nostre spalle.

POI?
Beh, raccontarti tutte le stagioni amaranto.... potrei scriverci il libro delle emozioni.
In sintesi, ho partecipato a tutte le promozioni in B, tutte le retrocessioni ed ho subìto l'onta e la disperazione dei fallimenti.
La passione è aumentata a livello esponenziale con l'andare degli anni, arricchita dalle stagioni esaltanti, mai scalfita nelle stagioni in cui ci ritrovavamo punto e a capo, sempre a testa alta quando ti arrivava la mazzata del fallimento...
La prima volta sembrava cascarti il mondo addosso...... adesso, con l'esperienza e conoscendo il mio popolo amaranto, so che l'Arezzo non morirà mai e, in un modo o nell'altro troveremo sempre il modo di rialzarsi. 
Ci hanno provato loschi personaggi verso i quali provo un odio profondo, e ho solo il rammarico di non aver potuto vedere le loro facce quando avevano realizzato che non saremmo stati noi a fallire, ma solo i loro tentativi e la loro onorabilità.

CI SEI ANDATO DURO ...
Non hanno ancor avuto quello che si meritano..... solo allora sarò contento.

ALTRI RICORDI SPARSI?
Negli anni ho avuto il privilegio di vedere Presidenti, allenatori e giocatori che hanno rafforzato la passione verso il calcio e verso questa maglia
Ma una sola serie di fotogrammi potrebbero riassumere l'essenza di cosa si prova ad essere aretini...a tifare per l'Arezzo... quei fotogrammi che partono con il rigore sbagliato di Neri fino alla sua splendida, indimenticabile rovesciata.
Basterebbe questo per aver racchiuso in uno scrigno la ricchezza interiore che ti dà la passione per questa maglia

Mille ricordi, mille emozioni navigano nella mia mente, eppure sono nell'attesa trepidante della prossima emozione, perchè l'Arezzo è una droga ed io sono in perenne crisi d'astinenza.

COSA VUOI AUGURARE ALL'AREZZO PER I SUOI 95 ANNI?
di continuare ad essere il punto di riferimento per una intera città, farci sentire fieri della nostra aretinità in giro per l'Italia, di continuare a farci battere forte forte il cuore ogni volta che vediamo entrare in campo quelle maglie.

Cinque anni ci separano da quello che io considero L'APOTEOSI AMARANTO..... i cento anni di questa gloriosa società.
Ecco, vorrei che potessimo festeggiare quell'evento con una promozione in serie A.
Ricordo le parole del mio amico Aurelio Mencaroni.... "vorrei, prima di morire, vedere l'Arezzo in serie A."
Ecco..... faccio mia questo augurio, con la speranza che il sogno irrealizzato di Aurelio possa realizzarsi con me.
Ma in A, in B, in C, in D sempre AMORE resterà

AUGURI AREZZO!!!





21.10.2018 1290281

AREZZO - ALBISSOLA. LE PAGELLE DI RICK

PELAGOTTI - 6,0 - Impegnato pochissimo, costretto a qualche rilancio lungo dal pressing alto dell'Albissola, nel secondo tempo si prende solo pi [...]

Leggi Tutto
21.10.2018 1290281

SE NON E' CON IL GIOCO, E' CON IL CUORE, L'AREZZO NON MOLLA!

C'era da dare una risposta alla prima sconfitta stagionale, così come c'era da dare una risposta a [...]

Leggi Tutto
18.10.2018 1290281

JUVENTUS - AREZZO
LE RIFLESSIONI DI RICK

IL BELLO - Vai sotto per un gol (fantasma?) su calcio d'angolo, al netto delle stanchezze fisiche e mentali e di una prima mezz'ora [...]

Leggi Tutto
18.10.2018 1290281

AREZZO NON BELLO MA SFORTUNATO, RISULTATO BUGIARDO TRA PALI E TRAVERSE

Prima sconfitta per gli amaranto di Mister Dal Canto nel deserto del Moccagatta, uno scenario che dovrebbe far rifle [...]

Leggi Tutto
16.10.2018 1290281

AREZZO - PONTEDERA
LE PAGELLE DI RICK

PELAGOTTI - 6,5- I maggiori pericoli provengono dai suoi stessi compagni di reparto Per il resto un paio di interventi ed un salvataggio su un [...]

Leggi Tutto
16.10.2018 1290281

AREZZO-PONTEDERA 2-0
NUOVO CINEMA PARADISO, GLI AMARANTO DI QUESTA SERA

L'Arezzo batte il Pontedera attraverso una prestazione che, specie nel primo tempo, ha deliziato il pubb [...]

Leggi Tutto