CUORE, GRINTA E DETERMINAZIONE.... L'AREZZO C'E'!

CUORE , GRINTA, DETERMINAZIONE, L’AREZZO CHE SARA’.

 

 

L’Arezzo vince, convince, giocando una bellissima partita, piena di significati; i tre punti, la feroce determinazione con la quale ha voluto, fortissimamente voluto, questa vittoria, lo spirito di gruppo sfociato nell’esultanza collettiva in occasione dei gol, le reti di Cutolo, Moscardelli, Rinaldi, con la professionalità degli anziani ed il gol di Benucci, ultimo, m non per ultimo perché è l’icona della nuova vita degli amaranto che prenderà forma il 3 gennaio, quando Marco Matteoni entrerà in possesso dell’Arezzo.

 

Nessun regista, anche il più creativo, sarebbe riuscito a creare, in novanta minuti, una trama avvincente, appassionante, con colpi di scena, passando dall’euforia, allo sconforto in un finale in crescendo in cui l’orchestra amaranto ha saputo cavare dal cilindro un finale pirotecnico a note alte finendo con la colonna sonora dell’inno amaranto a fare da cornice alla festa con i tifosi.

 

Miglior augurio di buon anno e di benvenuto al Presidente Marco non poteva esserci

 

Pronti via e nel giro di cinque minuti l’Arezzo tramortisce la Giana Ermino con un uno-due micidiale; Cutolo e Moscardelli per il doppio vantaggio amaranto.

 

L’Arezzo controlla con saggezza la partita, inibisce le fonti di gioco lombarde grazie al lavoro pressante dei centrocampisti concludendo il primo tempo senza grossi affanni e con due gol di vantaggio

 

Ma con questa Giana, votata al gioco offensivo e con questa classe arbitrale (a proposito, Presidente Marco, prendila come battuta, ma era una terna romana….sicuramente l’assistente di linea che era alle destra, tanto a destra credo che non fosse….) mai abbassare la guardia

 

Ed infatti l’entusiasmo del primo tempo trova un brusco risveglio all’inizio della ripresa quando i lombardi raggiungono il risultato di parità grazie alla doppietta di Perna.

 

Ma l’Arezzo è plasmato ad immagine e somiglianza di Mister Pavanel, aggiunge rabbia ad ardore agonistico, aggiunge qualità alla prestanza fisica che la squadra esibisce in questo momento della stagione, e per la squadra del simpaticissimo Mister Albè non c’è scampo.

Rinaldi aggiunge la ciliegina sulla torta della sua prestazione, mentre Moscardelli, prima della sua uscita con tanto di standing ovation si esibisce in un assist  da categorie superiori per mandare in gol il giovane Benucci, freddo nel controllo e nel battere il portiere per il quarto gol amaranto, quello della sicurezza, della felicità …e che fa da prologo alla passeggiata verso la curva Minghelli del Presidente Matteoni.

 

Tre punti, un gruppo apparso unito, un Presidente motivato, aspettando il 3 gennaio e gli otto punti di penalizzazione, il futuro potrebbe non farci più paura.

 

 

Riccardo Bonelli





17.09.2019 1290281

IO, OTELLO CELIA.

Leggi Tutto

15.09.2019 1290281

L'AREZZO STENTA E NON DECOLLA

Tre partite , tre matricole da affrontare, tre risulati diversi che non contribuiscono a dare un giudizio su questa squadra, sul modulo applicato da Mist [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

PERGOLETTESE - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK
COSA E' MANCATO? LA VAR ED UN CENTRAVANTI DI NOME E DI FATTO

PISSARDO - 4,0 - Partiamo dal finale. Subisci fallo e reagisci davanti al [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

L'AREZZO ESCE CON UN MISERO PUNTICINO CONTRO UNA MODESTA PERGOLETTESE.
FINALE INCANDESCENTE, BELLONI IN PORTA E ARBITRO PROTAGONISTA

L'Arezzo esce dallo stadio di Pergocrem [...]

Leggi Tutto
10.09.2019 1290281

10 SETTEMBRE 1923

10 SETTEMBRE 2019

BUON COMPLEANNO CAVALLINO!

 

 

 

[...]

Leggi Tutto
08.09.2019 1290281

Leggi Tutto