PIACENZA - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

TALMENTE SURREALE LA SITUAZIONE, TALMENTE INDECIFRABILE LA SQUADRA, TALMENTE EVIDENTI I RISULTATI CHE  CREDO SIA MEGLIO FAR DI TUTTA UN’ERBA UN FASCIO, PERCHE’ LE COLPE SON DI TUTTI, INDISTINTAMENTE

 

Guardiamoli per settore

 

DIFESA: Errori incredibili, ripetuti in tutte le partite fino ad ora giocate. Peggio ancora contro il Piacenza, la squadra che, nella sua pochezza generale e in particolare, offensiva, ha cercato di creare meno problemi possibili ai difensori amaranto. Ma nonostante tutto i due gol emiliani sono, in realtà, due frittatone amaranto. Giocatori lasciati soli in area, liberi di battere a rete, riprendere un pallone finito sul palo e mettere indisturbati a rete, oppure, ancor peggio nella seconda rete, con gli attaccanti del Piacenza lontani un miglio , regalare un calcio d’angolo per una incomprensione Ferrario-Borra. Corner, palla in area, e Romero, lasciato solo da Ferrario, che colpisce di testa un pallone morbido nella area piccola con Borra incollato nella linea di porta, quando sarebbe bastato uscire in presa alta, bastava davvero poco.

Dispiace dirlo, anzi, forse no, ma forse sarebbe l’ora di un avvicendamento con Ferrari.

Un reparto, quello difensivo che, al momento è il vero problema irrisolto di Mister Bellucci. Caro Mister, nove reti subìte, la peggior difesa del girone… non ci siamo

 

CENTROCAMPO: Meno peggio del solito, ma a parte Corradi che oggi merita una menzione particolare per essere riuscito, da solo , a tenere in vita la partita, Foglia e De Feudis si sono limitati ad un compitino da sei, giocate in sicurezza di poco valore, di scarso valore, praticamente inutili

 

ATTACCO : Cutolo , nelle precedenti esibizioni, era stato accusato di cercare troppo la soluzione personale, troppi dribbling. Oggi, invece è risultato fin troppo altruista con scarsi risultati. Aniello ha bisogno di giocare in libertà, con poche limitazioni tattiche, giocare di estro comporta anche il fatto di essere dei solisti.

Moscardelli ci ha provato, ma non sembra ancora al top del rendimento e nemmeno al top della convinzione. Troppo nervoso, poco lucido, poco assistito.

D’Ursi, un gol, quanto basta per certificarne la sua presenza in campo, troppo poco per la causa amaranto.

 

MISTER BELLUCCI: in settimana ebbe a dire “In settimana ci abbiamo dato dentro con i ragazzi per correggere i difetti emersi in partita. E alla lunga l'applicazione, l'impegno pagano” La domanda sorge spontanea…. Alla lunga quanto? Perché gli errori non accennano minimamente a diminuire

 

Riccardo Bonelli





01.07.2018 1290281

C'è aria nuova intorno all'Arezzo.Una nuova Società, nuovi programmi, tanto entusiasmo.

E dopo una annata da dimenticare in fretta, ci voleva questa aria di rinnovam [...]

Leggi Tutto
30.06.2018 1290281

DUE COMUNICATI CHE CERTIFICANO IL COMPLETAMENTO DEL MIRACOLO SPORTIVO ED ECONOMICO -

Orgogliosi di tutti coloro che hanno contribuito affinchè tutto questo potesse avvenire.

[...]

Leggi Tutto
25.06.2018 1290281

ECCOLO! Comunque esso sia, sarà il nostro biglietto da visita [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

LOGO NUOVO... VITA NUOVA

I segnali di rinnovamento, lo dice l'economia, lo dice il marketing, passano anche dal rinnovamento di un logo, il principale mezzo comunicativo di una societ [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

Dispiace per Cesena, per il Cesena, per i suoi tifosi e per il calcio in generale.
Ma come si fa ad avere accumulato un debito di 73 milioni di euro? 
Da quanto dura questa situa [...]

Leggi Tutto
13.06.2018 1290281

Il Direttore Generale Ermanno Pieroni ed il Presidente La Cava hanno dunque delineato le linee guida di quello che sarà il nuovo Arezzo ingaggiando un tecnico giovane, cha ha saputo lavorare [...]

Leggi Tutto