POLEMIZZARE SI, INSULTARE NO

Ci ho pensato e ripensato se scrivere questo articolo. Ci ho pensato e ripensato se scriverlo come Riccardo Bonelli o come Pianetamaranto.

Poi ho deciso di scriverlo e pubblicarlo sia come tifoso che.... come tifoso/giornalaio.

Il soggetto, molti se lo immagineranno e' il Presidente Mauro Ferretti.

 

il suo rapporto con i tifosi e' l'immagine esatta della sua quinquennale gestione dell'Arezzo , altalenante, umorale, poco amore, tanta indifferenza, troppo odio.

 

Ultimamente poi , il suo riavvicinamento sui social , unito alle prestazioni negative della squadra, alle problematiche legate alle questioni economiche, ha fatto si che il rapporto si inasprisse.

 

Voglio mettere subito i puntini sulle i, per evitare polemiche futili su quale sia il mio indirizzo.

 

Amo l'Arezzo, la maglia, i calciatori (quelli che fanno si di rimanermi impressi) qualche allenatore, se proprio riesce a fare la differenza sia tecnicamente che umanamente, e stop, i Presidenti, i dirigenti, passano, si avvicendano, ma in cinquanta anni, a memoria, posso ricordarne un paio....tre.

 

Io non ho tessere, non lavoro per il Presidente Mauro, non ho interessi economici con lui e, se mi rileggo nei suoi cinque anni di presidenza, leggo tante critiche, alcune feroci e pochi commenti positivi....

 

A differenza di molti, io penso che un Presidente che si interfaccia con i tifosi, direttamente, sia da ammirare, perche' vuol dire che non ha paura a metterci la faccia.

 

Tutto ciò' non serve solo a mettere i "mi piace" a scrivere "viva il Presidente!!" , bensi' ad esprimere la propria opinione, entrare in contraddittorio, elogiare, polemizzare, consigliare, sgridare, discutere, senza necessariamente entrare in una sala stampa o dover leggere le dichiarazioni sui giornali.

 

Cosi' ha scelto un Presidente che bene o male sono cinque anni che guida l'Arezzo.

 

Cinque anni fa cosa avremmo fatto se non fosse arrivato Ferretti? Saremmo andati avanti lo stesso, come sempre abbiamo fatto in 94 anni, poi, siccome non sono Nostradamus o il Mago Otelma, quale sarebbe stato il nostro destino, non lo so, magari saremmo in serie B.....

 

Ma in questi cinque anni, io, con le mie orecchie e con i miei occhi non ho sentito, letto, visto nessuno che si sia presentato con nome e cognome e dichiarare "SONO TI ZIO, SONO INTENZIONATO A COMPRARE L'AREZZO, ECCO I SOLDI E I MIEI PROGRAMMI..... PURTROPPO IL SIGNOR FERRETTI NON VUOL VENDERE E MI RITIRO"

 

Solo fantomatiche cordate alcune durate quanto un gatto in autostrada o ancora peggio l'incubo Nucilli (e con tale vicenda il Presidente Mauro non ci ha fatto una gran bella figura)

 

In questi cinque anni avrebbe potuto fare di piu'? Sicuramente, pur riconoscendogli un impegno economico gravoso, a livello tecnico non sembra aver avuto mai grandi intuizioni. Pagare gli stipendi, essere in regola con la Covisoc..... e' cosa naturale dicon molti, ma non scontata, le penalizzazioni, i fallimenti..... In questi cinque anni li abbiamo visti si', ma per gli altri.

Diamogliene atto, come diamogli atto che, a parte la parentesi "folle" in cui promise la B, con molto piu' realismo e dignita' ci ha messo davanti ad una situazione economica nella gestione dell'Arezzo votata alla vita monastica e di stenti, in attesa di tempi migliori.

 

Abbiamo storto il naso,ma poi, abbiamo capito.... Meno abbiamo capito alcune scelte tecniche e alcune visioni discordanti all'interno della societa' come ad esempio la storiella del minutaggio, diversa a seconda della campana che la suona.

 

Voglio arrivare al nocciolo della questione; il Presidente Mauro non fa nulla ma proprio nulla per rendersi simpatico, molte sono le volte che scrive "bischerate" , a volte, invece riesce a comunicarci le proprie emozioni e i propri sentimenti....ma gli insulti pesantissimi che gli sono piovuti addosso non ci fanno onore.

 

Tanto piu che alcuni gli sono stati scritti "in casa mia" dove lui era mio ospite e mi sono sentito offeso ed imbarazzato di questa situazione.

Ma domenica torna in campo l'Arezzo, adesso conta solo la squadra, la maglia, il cavallino.

Il muro contro muro sgretola tutti e due i muri......CUI PRODEST?

 

P.S.a proposito.... per me la serie D è un incubo. Definirla una soluzione al Presidente Mauro la trovo terrificante.....

 

 

Riccardo Bonelli





17.10.2017 1290281

L’ADDIO DI FERRETTI, EX PRESIDENTE DELL’AREZZO, MAI PRESIDENTE AMARANTO, OGGI SIGNOR DISIMPEGNO

 

E venne il giorno del disimpegno, atteso, ann [...]

Leggi Tutto
15.10.2017 1290281

AREZZO-OLBIA, LE PAGELLE DI RICK

 

BORRA – 7,5 – L’Olbia tira in porta quattro volte, ma in maniera significativa e pericolosa. Per tre v [...]

Leggi Tutto
15.10.2017 1290281

Una partita difficile da commentare, una sconfitta che brucia, e riappaiono vecchi fantasmi.
Incredibile la metamorfosi di una squadra, l’Arezzo, che per trentacinque minuti si fa ammi [...]

Leggi Tutto
08.10.2017 1290281

LIVORNO-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

BORRA – 6,5 – Si oppone due volte, con altrettante respinte ai tiri in rapida sequenza dei giocatori livornesi, la seconda [...]

Leggi Tutto
08.10.2017 1290281

L’AREZZO NON SFIGURA AL COSPETTO DELLA CAPOLISTA

L’Arezzo esce indenne dalla temuta trasferta dell’Ardenza, in casa della capolista Livorno.

< [...]

Leggi Tutto
05.10.2017 1290281

AREZZO-PONTEDERA, LE PAGELLE DI RICK

 

BORRA – 7,0 – Una paratona, ma soprattutto il senso di sicurezza che torna a dare con l [...]

Leggi Tutto