Signore e signori, benvenuti nel nostro circo, dove i riflettori illuminano una realtà che altro non è che fantasia.

Signore e signori, benvenuti nel nostro circo, dove i riflettori illuminano una realtà che altro non è che fantasia.


E’ un circo (Lega) un po' speciale in cui i protagonisti siamo noi, e siete anche voi, uomini e donne tifosi con i loro sogni, le loro speranze e i loro desideri.


Qualcosa che è, e qualcosa che non è ed anche qualcosa che si vorrebbe essere ma non siamo o che siamo e non si vorrebbe essere.


Insomma, tutto questo vi potrà sembrare un po' complicato, ma, attenzione! Guardateci, cercate per un attimo di mettervi nei nostri panni e vi accorgerete che in fondo la nostra Lega non è che un grande circo!!!

 

Il Presidente della Lega serie C 
GABRIELE “ORFEI” GRAVINA


Questo è quanto, non ci sono parole per descrivere le modalità di gestione di una Lega che conta quanto il due di picche, derisa, bistrattata, ignorata dalla sorella maggiore e con una associazione calciatori guidata da quel genio di Tommasi che chiacchiera tanto, minaccia tanto, ma che in quanto a tutela dei suoi assistiti lascia alquanto a desiderare


Ed allora inizierà una stagione con 56 squadre, due gironi da 18 squadre ( il B e C) ed uno, il girone A , del quale fa parte gli amaranto con 20 squadre ai nastri di partenza.
Ed allora nascono i primi dubbi; quante retrocessioni in D ci saranno? Come verranno determinate?


Proviamo a capire


le due ultime classificate dei gironi B e C scendano tra i dilettanti; inoltre, penultima e terzultima dei due gironi si sfiderebbero in una sorta di "semifinale playout", le due perdenti poi si affronterebbero per l'ultimo atto che stabilirebbe la terza retrocessa.  
Le altre due retrocesse arriverebbero quindi dal girone A


Ci siamo? Allora andiamo sul difficile e proseguiamo


Retrocedono le ultime due, senza playout, se a fine campionato tra penultima e terzultima ci sono più di otto punti; 
- Se tra la penultima e la terzultima ci sono meno di otto punti, ma tra l'ultima e la quartultima ci sono più di otto punti, l'ultima retrocede direttamente in Serie D, mentre la penultima e la terzultima spareggiano; 
- Se anche tra l'ultima e la quartultima ci sono meno di otto punti di distacco, doppio playout: ultima contro quartultima e penultima contro terzultima.


Ma attenzione, difficile che la Lega resista alla tentazione di cambiare ancora una volta le carte in tavola.


Ma le novità non sono finite…


Dalla prossima stagione tutte le squadre dal terzo livello professionistico in giù potranno cambiare cinque giocatori anziché tre. In pratica con le nuove regole sarà possibile inserire cinque calciatori anziché tre, ma le finestre per i cambi rimarranno comunque tre durante la partita.


Una svolta storica è stata definita, poi si può discutere all’infinito sul valore che si può dare ad una partita di calcio in cui potrebbero esserci dieci sostituzioni, dieci giocatori diversi dai ventidue di inizio partita…..


Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto