IL COMUNALE E’ AREZZOLANDIA, SETTIMA VITTORIA QUELLA CONTRO LA LUPA ROMA MA 600 PAGANTI, LASCIA PERPLESSI.

IL COMUNALE E’ AREZZOLANDIA, SETTIMA VITTORIA QUELLA CONTRO LA LUPA ROMA

MA SOLO 600 PAGANTI, LASCIA PERPLESSI.

 

Prima di iniziare il commento sulla partita permettetemi di ritenermi incazzato per un dato che mi ha lasciato alquanto perplesso.

 

600 paganti, oggi al Comunale, per assistere alla partita di un Arezzo terzo in classifica, imbattibile nel suo fortino, dove ha disputato sempre partite di grande spessore (anche se non per tutti i novanta minuti… ma che ci volete fare, mica siamo il Real Madrid…) dove ha vinto sette delle otto partite disputate, conquistando 22 punti laddove solo la corazzata Alessandria è riuscita a fare altrettanto; giocando di domenica alle 16.30, in un pomeriggio con una temperatura accettabile, è un dato che fa riflettere.

 

Fa riflettere e fa pensare che, forse, l’Arezzo interessa a pochi, che si parla tanto, si critica tanto, si chiedono progetti, investimenti mentre nel contempo ci segnaliamo per l’assenteismo. Si timbra il cartellino della critica e poi ci si dilegua……

 

E, purtroppo, è caduto nel vuoto il bellissimo manifesto con cui la Curva Sud, la Minghelli, chiamava tutti a raccolta, chiamava tutti all’unità di intenti, la società, la squadra, la stampa, i tifosi, perché le ambizioni sono ancora vive, l’Arezzo è ancora vivo e sta lassù, ai vertici della classifica.

 

Detto questo, passiamo alla partita.

 

Pronti via, trenta secondi e l’Arezzo è già in vantaggio con un devastante contropiede, innescato da Corradi che lancia Bearzotti, il quale si fa tutta la metà campo avversaria tutto d’un fiato, inutilmente rincorso dai difensori per poi battere con un piattone chirurgico il portiere laziale.

 

Lupa Roma ancora negli spogliatoi, laddove Mister Di Michele faceva pretattica rimandando al limite del lecito la presentazione della lista ufficiale, e Arezzo che al nono minuto raddoppia con Corradi che al centro dell’area riceve l’invito di Luciani e batte imparabilmente a rete.

 

Un minuto prima Polidori aveva letteralmente sfiorato il palo con un bel colpo di testa.

 

Partita in discesa per gli aamaranto (oggi in campo con la bellissima terza maglia)? Nemmeno per sogno, il gol dell’ex non può mancare, è oramai una prassi consolidata, una regola fissa ed allora perché farsi mancare il gol di Fofana?

 

Minuto undici, Milesi scivola, lasciando via livera ad Aloi che mette al centro per il francese che batte Benassi.

 

Ricordatevi questo minuto undici, perché quello sarà il primo ed unico vero tiro in porta che l’Arezzo ha concesso alla Lupa Roma.

 

Solo un attimo di sbandamento, il risultato torna in bilico ma non l’inerzia della partita con l’Arezzo ispiratissimo, gioco sulle fasce devastante per i romani, palla a terra, fraseggi di prima e amaranto che dominano in lungo e largo con l’unica pecca di non finalizzare con altre segnature la gran mole di gioco e di occasioni prodotte.

 

Nella ripresa stesso cliché, nonostante Mister Di Michele provi a ridisegnare la squadra; Arezzo padrone del campo e la terza rete arriva dopo venti minuti su un rigore fischiato dall’incerto arbitro Mastrodonato per un fallo di Rosato che in area, non trova di meglio che abbattere Solini.

 

Implacabile lo scavetto con cui Erpen  batte Svedkauskas siglando il tre a uno.

 

Partita in cassaforte con l’Arezzo che controlla senza problemi, abbassando i ritmi di gioco in vista della trasferta di mercoledì a Prato e Lupa Roma che non riesce minimamente ad impensierire la retroguardia amaranto.

 

Il fischio finale sancisce la vittoria finale, il terzo posto in classifica e la conferma di essere ad Arezzolandia!

 

Peccato solo che sia una festa per pochi intimi…..

 

 

Riccardo Bonelli





05.05.2018 1290281

UNA SERATA SPECIALE!!

Niente di programmato, perchè esisteva solo una piccolissima speranza.

Ma un minuto dopo il fischio finale di Carrarese - Arezzo, con una salvezza c [...]

Leggi Tutto
05.05.2018 1290281

NON CHIAMATELO MIRACOLO!

Questa è storia, una bellissima storia, una favola d'altri tempi.
Non chiamatelo Miracolo, sarebbe sminuire il valore dell'impresa di questi [...]

Leggi Tutto
28.04.2018 1290281

AREZZO-PISA, LE PAGELLE DI RICK

FERRARI - 7,0 - Grossi interventi non ne ha dovuto fare, ma ha dato tanta sicurezza al reparto, una sola incertezza in uscita, poi padrone della sua area e [...]

Leggi Tutto
28.04.2018 1290281

NUOVI AGGETTIVI CERCASI... DISPERATAMENTE!!

Immensi, commuoventi, tatticamente perfetti, grintosi, attaccati alla maglia, agguerriti, indomabili, battaglieri, valorosi, risoluti...ma sopr [...]

Leggi Tutto
21.04.2018 1290281

PRATO - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

FERRARI - 6,0 - alcune uscite incerte, una scarsa intesa con i compagni di reparto compensano, in positivo un paio di buoni interventi

MUSCAT [...]

Leggi Tutto