AREZZO ELIMINATO IN COPPA, SALTA UNO DEGLI OBIETTIVI

Detto per inciso, senza  tanti giri di parole, NON CI SIAMO.

 

L’eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dei ragazzini del Tuttocuoio è figlia di tutto un repertorio di problematiche che l’Arezzo si porta dietro da inizio campionato.

 

Per l’ennesima volta gli amaranto non riescono a capitalizzare il gol di vantaggio e si fanno raggiungere, ma riescono anche a fare peggio, due rigori di vantaggio si fanno raggiungere, superare, eliminare.

 

La Coppa era importante, che nessuno adesso, cerchi di sottovalutare la manifestazione, anche perché era un obiettivo dichiarato e quindi un obiettivo fallito sul nascere, quando ancora la strada era in discesa essendo ancora ai sedicesimi.

 

Il Tuttocuoio si è presentato ad un Comunale praticamente deserto, con una banda di ragazzini, classe 1995,1996,1997,1998, ha fatto la sua onesta partita, ha trovato il gol del pareggio solo grazie alla gentile concessione di Borra, nell’unica occasione in cui ha saputo tirare in porta; ma nello stesso tempo non ha faticato a tenere a bada un Arezzo compassato, stucchevole, impreciso nell’ultimo passaggio e nei tiri in porta.

 

Nei supplementari, inoltre, non ha approfittato di un Tuttocuoio evidentemente sulle gambe, oramai fermo, giocatori con i crampi con l’unico scopo di giocarsela alla lotteria dei rigori.

 

Rigori che sembravano sorridere alla formazione amaranto con due rigori segnati contro i due sbagliati dai pisani.

 

Poi il filotto che non ti aspetti, quattro rigori falliti avendone due di vantaggio ed i ragazzini di Mister Fiasconi a fare il giro di campo prendendo gli applausi degli assenti……

 

Guai a sottovalutare i segnali negativi, i campanelli di allarme che sono suonati sotto forma di eliminazioni, espulsioni, vittorie mancate, tempi regalati, vantaggi non concretizzati, dabbenaggini difensive e cali di concentrazione

 

Il primo posto è oramai una chimera, il secondo cominciamo a vederlo con il binocolo.

 

Troppo catastrofismo? Adesso siamo ancora in tempo, gennaio non sarà solo il primo mese dell’anno, la squadra ha dimostrato di saper giocare a calcio, così come Mister Sottili ha dimostrato di essere un tecnico emergente; ed allora prendiamo quello che c’è di buono, ma tutti in società devono cercare di cancellare i lati negativi di questo gruppo.

 

Siamo bravi, bravini, ma evidentemente non basta, se l’obiettivo è sempre quello di alzare l’asticella, giusto Presidente Ferretti?

 

 

Riccardo Bonelli





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto