OTTANTA MINUTI DI PERFEZIONE, AREZZO PADRONE DEL CAMPO ED IN VANTAGGIO DI DUE RETI. POI DUE SOSTITUZIONI, TRE GOL DELLA CREMONESE ……SOLO UN CASO?

OTTANTA MINUTI DI PERFEZIONE, AREZZO PADRONE DEL CAMPO ED IN VANTAGGIO DI DUE RETI.

POI DUE SOSTITUZIONI, TRE GOL DELLA CREMONESE ……SOLO UN CASO?

 

 

Incredibile sconfitta dell’Arezzo a Cremona, un 3 a 2 che farà parlare di sé per tutta la settimana per come è maturato e per una vittoria letteralmente gettata al vento.

 

Un Arezzo che per ottanta minuti non aveva fatto veder palla alla Cremonese, disposizione tattica perfetta ed il due a zero maturato fino a quel momento, con la doppietta di Moscardelli, era un risultato che andava stretto, strettissimo agli amaranto.

 

La partita perfetta con Benassi semplice spettatore; nessun segno di cedimento strutturale, nessun segno di cedimento fisico, Cremonese annichilita, scoraggiata, tifosi lombardi ormai rassegnati.

 

Poi Mister Sottili decide due cambi, fuori un Arcidiacono finalmente incisivo in avanti e perfetto in fase difensiva per far posto a Masciangelo, esterno si, ma con spiccate doti difensive.

 

Poi tocca ad uno stratosferico Moscardelli lasciare il campo con l’ingresso di Grossi.

 

Due mosse atte a portare forze fresche….forse, ad accorciare la squadra, ma abbassandone il baricentro…di sicuro…. Ed il patatrac.

 

Non avremo mai la controprova di come sarebbero trascorsi quei dieci minuti piu’ cinque di recupero che mancavano alla fine con gli undici iniziali; sembravano minuti da assaporare, una vittoria da gustare minuto per minuto perché la Cremonese non era più un problema….o almeno questo credevamo

 

Ed invece abbiamo assistito  a quindici minuti da incubo, tra i peggiori che possa passare un tifoso amaranto pronto a festeggiare una grande vittoria.

 

Tre gol, squadra che al primo gol crolla, Cremonese che sembra diventare il Real Madrid e a corollario di tutto ciò ancora orrori difensivi inconcepibili, madornali, recidivi, ma questa volta l’abbiamo….l’hanno fatta davvero grossa!

 

Era considerato un esame di maturità…. Per ottanta minuti promossi a pieni voti, 110 e lode; poi l’incubo, una sconfitta che brucerà non so per quanto e che, sicuramente avrà delle ripercussioni e mille motivazioni per essere esaminata in tutti i dettagli ed una bocciatura che non ti aspetti.

 

Perché questo Arezzo doveva assolutamente portare a casa i tre punti, vista la situazione creatasi ed invece ci ritroviamo con un pugno di mosche e tante certezze in meno…… una di sicuro, così, ambire alle prime posizioni, è impresa davvero ardua.

 

 

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto