VADO, VINCO E TORNO. UN POMERIGGIO DA RICORDARE, L'AREZZO DI CAPUANO VINCE A PRATO E SOGNA

VADO, VINCO  E TORNO. UN POMERIGGIO DA RICORDARE, L'AREZZO DI CAPUANO VINCE A PRATO E SOGNA

 

La trasferta di Prato sembrava una scampagnata, una partita di Lega Dilettanti, partenza alle 17,30, incontro alle 20,30.


Ma su quel pulman erano saliti dei professionisti, guidati da un professionista, e la presunta gita domenicale si è trasformata in un trionfo.


L'Arezzo vince, senza problemi al Lungo Bisenzio contro un Prato non trascendentale ma con una classifica che gli imponeva la conquista dei tre punti


Dopo un primo tempo equilibrato, nella ripresa l'Arezzo è passato subito in vantaggio con Bentancourt, il gol mette Ko il Prato che non riesce a reagire subendo il secondo degli amaranto, ad opera di Madrigali che sancisce la seconda vittoria esterna del campionato per l'Arezzo, proiettandolo in una degna posizione di classifica.


L'ennesima prova che questo è l'Arezzo di Eziolino Capuano, una squadra solida, coriacea, magari non bella, ma che il campo certifica come una formazione di quantità e qualità, degna delle prime posizioni che è andata con enormi sacrifici e mille difficoltà esterne, ma soprattutto interne, a conquistarsi.


Da stasera l'Arezzo si candida ad essere una outsider da tenere in degna considerazione, se solo ci fosse un briciolo di entusiasmo, un briciolo di coinvolgimento, un briciolo di considerazione da parte dei vertici societari, il futuro sarebbe roseo.


L'allenatore ha dimostrato tutto e anche di più di quello che doveva dimostrare, amato dalla piazza, e non è cosa di poco conto, i risultati sono dalla sua parte, così come la dedizione totale alla causa amaranto.


La squadra, ha dei valori assoluti nella interezza della rosa (...) con alcuni elementi che si elevano ed elevano il potenziale tecnico e tattico della formazione amaranto.


E' un magnifico castello che, purtroppo, poggia su fondamenta che nessuno è riscito a capire se siano fragili o meno, se tutto questo resterà tale o sarà destinato, prima o poi a crollare miseramente, lasciando un cumulo di macerie, sotterrando valori, speranze, prospettive.


Due soli uomini potrebbero darci una risposta, altrimenti i dubbi, le illazioni, le voci più o meno infondate troveranno terreno sempre più fertile, Capuano rimarra' il condottiero indomito ma triste, e non basterà l'appoggio incondizionato del popolo amaranto per trattenerlo ad Arezzo.


Dottor Ferretti, parlare è sempre il modo migliore per spezzare i silenzi..... ovvio, ma a quanto pare, mica tanto....

 

Riccardo Bonelli





12.08.2018 1290281

Esce di scena l’Arezzo di Mister Dal Canto nel primo turno di Coppa italia al termine di due partite con la Lucchese entrambe terminate sul punteggio di uno a uno.

I rigori, con il [...]

Leggi Tutto
22.07.2018 1290281

NON CI SONO PARAGONI

Grinta, determinazione, unità di intenti. 
Parlano con i fatti in un mix di entusiasmo, esperienza aretinità e voglia di imparare.
St [...]

Leggi Tutto
06.08.2018 1290281

AREZZO - LUCCHESE 1-1 PERLA DI ANIELLO CUTOLO
L'IMPORTANTE ERA RIPARTIRE!

Troppe assenze, gran caldo, squadra totalmente rinnovata hanno fatto sì che grosse indicazioni [...]

Leggi Tutto
07.08.2018 1290281

ADDIO NARCISO... IL PRESIDENTE

Ci ha lasciato Narciso Terziani, un uomo vero, un grande imprenditore, un grande uomo di sport, talmente innamorato della sua citLeggi Tutto

02.08.2018 1290281

Se Dio vuole si ricomincia a fare sul serio!

Mai come questa volta frase risulta essere veritiera.

Domenica, con la prima partita ufficiale della stagione verrà certifica [...]

Leggi Tutto
01.07.2018 1290281

C'è aria nuova intorno all'Arezzo.Una nuova Società, nuovi programmi, tanto entusiasmo.

E dopo una annata da dimenticare in fretta, ci voleva questa aria di rinnovam [...]

Leggi Tutto