A L'AQUILA PER DIFENDERE L'IMBATTILITA' ESTERNA E PER VENDICARE L'ANDATA

A L'AQUILA PER DIFENDERE L'IMBATTILITA' ESTERNA E PER VENDICARE L'ANDATA


Ostica trasferta in terra abruzzese per gli amaranto tra campionato e voci di mercato

 

l'Arezzo sarà di scena a L'Aquila domenica pomeriggio; gli amaranto di presentano in Abruzzo forti della imbattibilità esterna, ma andranno ad incontrare una squadra, quella di Mister Perrone, che tra le mura amiche ha costruito la sua classifica.


I numeri parlano di un "Tommaso Fattori" che ha visto L'Aquila vincere sei delle nove partite disputate, poi un pari e due sconfitte.


Quattro turni consecutivi con altrettante vittorie casalinghe parlano di una squadra in salute.
L'incontro con L'Aquila non può fare tornare alla mente quello che successe nell'andata al Città di Arezzo.


Ecco uno tralcio del mio commento quel giorno


""Minuto 94, me ne resto immobile nella mia postazione, attonito, assisto all'omaggio che il pubblico aretino fa alla propria squadra, applaudo anche io, ma con lo sguardo nel vuoto, incapace di credere all'epilogo dell'incontro..... e sì che sono 51 anni che seguo l'Arezzo.....
E' finita nel modo piu' assurdo, il piu' bell'Arezzo degli ultimi cinque anni , l'Arezzo piu' bello dell'era Capuano, che ha letteralmente dominato, preso a pallonate l'Aquila, colpito due pali e sfiorato il gol ripetutamente perde un incontro che stava concludendosi con uno zero a zero pieno di recriminazioni da parte amaranto.

Invece gli abruzzesi, con il secondo tiro in porta in novanta minuti, con una punizione da 30 metri trovano tre punti che vanno dalla parte sbagliata e che in casa amaranto gridano vendetta.""


Quella partita, visto lo svolgmento della stagione amaranto, è stata l'emblema dell'Arezzo di Capuano, prestazioni discrete, alcune buone ma con un denominatore comune, l'aver raccolto per mille motivi, meno di quanto gli amaranto avrebbero meritato.


Ma le partite dell'Arezzo, in questo mese di gennaio, viaggiano tra due binari, quello del campo e quello del mercato.


La politica intrapresa dal Presidente Ferretti, quella del rigore economico e di una durata dei contratti ridotta al minimo indispensabile è giusta e condivisibile, ma avrebbe bisogno di mettere in preventivo delle eccezioni.


Mister Capuano è un tecnico preparato, grande conoscitore di queste categorie e dei giocatori che ne fanno parte. Il suo intuito su alcuni elementi, Monaco e Tremolada, senza fare nomi, avrebbe dovuto essere colto al volo dalla dirigenza; scommettere su alcuni giocatori di prospettiva e blindarli a costo di qualche sacrificio economico e qualche rischio sul loro rendimento, in questo caso sarebbero equivalsi a scommesse vincenti.


Adesso, invece, rischiamo di trovarci ad aver valorizzato due giocatori, senza nessun vantaggio economico e senza una potenza contrattuale da mettere sul piatto della bilancia.


E così il destino di Monaco e Tremolada passa esclusivamente nelle mani dei due giocatori e dei suoi procuratori con l'unica variabile, a vantaggio dell'Arezzo, della riconoscenza verso il club che ha creduto in loro e li ha messi in bella mostra.


Tanta cosa? poca cosa?


Due giocatori importantissimi per l'Arezzo di Capuano, uno, al momento insostituibile, l'altro forte, e di sicuro avvenire, ma come dimostrato in questo ultimo periodo in cui è stato assente, con degni sostituti alle spalle.


Le sirene di mercato suonano forte, ma non per questo è obbligatorio ascoltarle, capito?

 

Riccardo Bonelli





01.07.2018 1290281

C'è aria nuova intorno all'Arezzo.Una nuova Società, nuovi programmi, tanto entusiasmo.

E dopo una annata da dimenticare in fretta, ci voleva questa aria di rinnovam [...]

Leggi Tutto
30.06.2018 1290281

DUE COMUNICATI CHE CERTIFICANO IL COMPLETAMENTO DEL MIRACOLO SPORTIVO ED ECONOMICO -

Orgogliosi di tutti coloro che hanno contribuito affinchè tutto questo potesse avvenire.

[...]

Leggi Tutto
25.06.2018 1290281

ECCOLO! Comunque esso sia, sarà il nostro biglietto da visita [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

LOGO NUOVO... VITA NUOVA

I segnali di rinnovamento, lo dice l'economia, lo dice il marketing, passano anche dal rinnovamento di un logo, il principale mezzo comunicativo di una societ [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

Dispiace per Cesena, per il Cesena, per i suoi tifosi e per il calcio in generale.
Ma come si fa ad avere accumulato un debito di 73 milioni di euro? 
Da quanto dura questa situa [...]

Leggi Tutto
13.06.2018 1290281

Il Direttore Generale Ermanno Pieroni ed il Presidente La Cava hanno dunque delineato le linee guida di quello che sarà il nuovo Arezzo ingaggiando un tecnico giovane, cha ha saputo lavorare [...]

Leggi Tutto