SUPER BAIOCCO, AREZZO CONCENTRATO, BLOCCATA LA MACERATESE E CHIUDIAMO CON L'IMBATTIBILITA' ESTERNA NEL GIRONE DI ANDATA

SUPER BAIOCCO, AREZZO CONCENTRATO, BLOCCATA LA MACERATESE E CHIUDIAMO CON L'IMBATTIBILITA' ESTERNA NEL GIRONE DI ANDATA


 

 

L'Arezzo mantiene l'imbattibilità esterna fermando la corsa della Maceratese allo Stadio ''Helvia Recina".


Lo fa con una buona prestazione, piena di densità, caparbietà e buone giocate; ma non sarebbero bastate queste qualità se non avessimo avuto un  portiere con la P maiuscola.


Perchè la Maceratese, temibilissima nel reparto offensivo, ha sfruttato al massimo tutte le occasioni avute e ci è voluto un super Baiocco, che con una serie di interventi più o meno prodigiosi ha strozzato l'urlo del gol ai giocatori di Mister Bucchi.


L'Arezzo messo in campo da Mister Capuano ha affrontato l'avversaria senza timori reverenziali, soffrendo quando c'era da soffrire, senza mai disdegnare sortite offensive con un Bentancourt i cui progressi sono evidentissimi e con un Tremolada che ha fatto passare pù di qualche brivido sulla schiena dei tifosi maceratesi, specie quando Forte è volato a deviare un suo calcio di punizione dal limite.


Peccato che oggi sia venuto a mancare l'apporto di Sacha Cori, apparso, sin dalle prime battute impreciso, una prestazione, comunque, tutto cuore, muscoli e sacrificio in fase difensiva.


Due esami tosti come le due prime della classe Spal e Maceratese, superati alla grande, con due prove in cui la qualità del gioco, ma soprattutto condita da "maiali inferociti" che fanno ben sperare nel futuro.


Mister Capuano sta modellando la sua squadra, magari il processo è stato più lungo di quanto preventivato, ma questa è un gruppo che meriterebbe di avere molti più punti di quello che, invece, racconta la classifica.


La prestazione di Macerata, il risultato positivo, le parole del Presidente Ferretti che hanno preceduto la trasferta in terra marchigiana, sono tutti segnali positivi.

Adesso, ci sarà la sosta natalizia, poi la sessione invernale del mercato che potrebbe regalarci un Arezzo rivisto, corretto, ma non rivoluzionato.


Servono, ma questo Capuano lo sa perfettamente, tre o quattro innesti che aumentino il valore di questa squadra; due acquisti dovrebbero essere già stati conclusi, di tratta del portiere Baiocco e dell'attaccante Bentancourt.


E' una battuta , certo, ma significativa; perchè la crescita dell'Arezzo è partita soprattutto dalle prestazione di Baiocco e Bentancourt, insieme ad un Tremolda sempre più leader di questa squadra.


Diciassette punti meno della Spal, tredici meno della Maceratese; viste all'opera le due squadre al cospetto dell'Arezzo, decisamente troppi.


E siccome Spal e Maceratese sono le due migliori squadre del girone, beh, trattre le dovute considerazioni vuol dire avere rammarico, tanto rammarico, per i punti che in un modo o in un altro, abbiamo lasciato per strada.


Detto di super Baiocco, la difesa con Milesi, Madrigali e Monaco, ha retto decisamente bene.
Meno bene, anzi, direi male i due esterni Carlini e Brumat, imprecisi come non mai e con quest'ultimo che stava combinando una frittata con un rilancio sbilenco che ha dato il là ad una ripartenza pericolosissima della Maceratese con il portierone amaranto che compie due interventi decisivi.


Capece ha giostrato a centrocampo con le sue solite geometrie, poco supportato da Feola, che ha faticato molto a tenere la posizione, on vendo ancora una condizione fisica accettabile.


Davanti buona la prova di Bentancourt, in crescendo il suo fattore di personalità; bene, molto bene Tremolada che oltre ad un gran lavoro di raccordo tra centocampo e attacco, ha provato, sovente, la via della rete e Forte ha dovuto colpiere due grandi interventi per evitare la capitolazione.


Sacha Cori, oggi capitano, ha messo in campo il solito cuore, la solità combattività, ha tenuto alta la squadra, ma è risultato più impreciso del solito, ma su di lui la squadra e Capuano sanno di poterci contare sempre, anche quando gli capitano queste giornate.


Giornata si sole a Macerata, bello vedere i nostri tifosi incitare la squadra e non farla sentire mai sola, bello l'Arezzo, buono il risultato, ci voleva.


Adesso godiamoci il Natale, un augurio ai nostri ragazzi, a Ezio Capuano, al Presidente Ferretti e a tutto lo staff dell'Arezzo, ma soprattutto a tutti i tifosi amaranto e ai quei tre o quattro lettori che hanno avuto, fino ad oggi, la bontà di leggermi.

 

Riccardo Bonelli





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto