L'AREZZO FA LE SCARPE AL TUTTOCUOIO

Il calcio, il più bello degli sport, riesce a mandare a quel paese la Signora Logica e tutti i suoi parenti; giochi bene e perdi, giochi male e vinci.


Guardavo, ad esempio, i mondiali di rugby, e quello sport in particolare, se giochi bene, vinci...matematico; se giochi male perdi, altrettanto matematico.


Nel calcio no, così succede che il bellissimo Arezzo visto contro L'Aquila esca dal campo battuto, mentre quello, bruttino, ma maledettamente pragmatico, tignoso, roccioso si prenda tre punti a Pontedera contro il Tuttocuoio.


Unico denominatore comune, la squadra esce comunque tra gli applausi del pubblico, una annotazione importante, non di secondo piano, sono iniezioni di fiducia per la giovane squadra di Capuano, perdere fa male ma la vicinanza dei tifosi rincuora i giocatori; vincere fa morale e gli applausi degli aretini ne fa salire la consapevolezza di poter fare un  campionato sopra le righe.


Capuano deve fare a meno di Sacha Cori, unica pedina che non ha un sostituto similare nella rosa amaranto, ma dispone la squadra nella stessa maniera della settimana prima con Bentacourt che affianca Defendi e Tremolada a cercare di alimentare il potenziale offensivo.


Giocare nel sintetico non è facile e nei primi minuti assistiamo ad una serie di errori nei passaggi delle due squadre che stentano a prendere la misura su questo tipo di terreno di gioco, un terreno spaccamuscoli, crampi nel finale e qualche giorno in più per riprendersi a livello fisico.


L'Arezzo segna il gol vittoria al minuto 19 con il primo gol di Defendi in una gara ufficile con la maglia amaranto, un tocco sottomisura su un pallone vagante che batte il portiere Feola.
Tuttocuoio volenteroso ma troppo forte la retroguardia amaranto per il leggero reparto offensivo della suadra di Lucarelli e così per vedere all'opera Baiocco dobbiamo aspettare i minuti finali del primo tempo; destro di Palumbo e deviazione del numero uno aretino.


Nel secondo tempo ti attendi un Tuttocuoio votato all'attacco alla ricerca del pareggio ed invece, ancora una volta viene fuori l'Arezzo che consente solo spioventi aerei facile preda di Monaco e Panariello, mentre il centrocampo opera un filtro adeguato e si fa trovare puntuale nelle ripartenze che mettono sovente in crisi la difesa neroverde.


I minuti finali sono di sofferenza, ma solo a livello fisico, con i giocatori vittime di crampi e Capuano deve variare, necessariamente l'assetto tattico per l'uscita di Tremolada e l'immissione del doppio centrale con Madrigali che si posiziona accanto a Monaco.


Pericoli zero fino ai titoli di coda, lunghi, lunghissimi, sei minuti concessi da Maggioni, direttore di gara che civettava un arbitraggio all'inglese, dimenticando che anche in Inghilterra i falli... li fischiano.


La beffa sembrava dietro l'angolo travestita da Shekiladze che si trova a tu per tu con Baiocco per un pallone vagante, uno dei tanti buttati in area dal Tuttocuoio, pallone sopra la traversa e coronarie che piano piano tornano alla normalità.


L'Arezzo si riprende tre punti pesanti in vista dell'atteso derby di sabato al Città di Arezzo contro il Pisa; la cosa più bella della trasferta di Pontedera è la presenza massiccia dei tifosi amaranto, una presenza moralmente importante, un segnale forte che l'Arezzo può ambire a qualsiasi traguardo, un segnale per la Società e per il Presidente Ferretti.


Se ci sarà bisogno di un piccolo, ulteriore sforzo, caro Presidente, questo è il momento giusto.
Oggi godiamoci la vittoria, tutti, ma proprio tutti, da domani faremo il conto alla rovescia aspettando il Pisa; il Città di Arezzo dovrà essere una bolgia, il Pisa dovrà sentirsi veramente, ma veramente, in trasferta!

 

Riccardo Bonelli





15.09.2019 1290281

L'AREZZO STENTA E NON DECOLLA

Tre partite , tre matricole da affrontare, tre risulati diversi che non contribuiscono a dare un giudizio su questa squadra, sul modulo applicato da Mist [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

PERGOLETTESE - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK
COSA E' MANCATO? LA VAR ED UN CENTRAVANTI DI NOME E DI FATTO

PISSARDO - 4,0 - Partiamo dal finale. Subisci fallo e reagisci davanti al [...]

Leggi Tutto
15.09.2019 1290281

L'AREZZO ESCE CON UN MISERO PUNTICINO CONTRO UNA MODESTA PERGOLETTESE.
FINALE INCANDESCENTE, BELLONI IN PORTA E ARBITRO PROTAGONISTA

L'Arezzo esce dallo stadio di Pergocrem [...]

Leggi Tutto
10.09.2019 1290281

10 SETTEMBRE 1923

10 SETTEMBRE 2019

BUON COMPLEANNO CAVALLINO!

 

 

 

[...]

Leggi Tutto
08.09.2019 1290281

Leggi Tutto
05.09.2019 1290281

CHE LA TERRA TI SIA LIEVE
ADDIO BENITO BUTALI

Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria italiana: è morto all'età di 94 anni Benito Butali,
Era nato a C [...]

Leggi Tutto