C'E' UN'ARIA DIVERSA, PROFUMO DI NUOVO..

Un solo punto dopo due giornate, ma tante convinzioni in più rispetto ad un mese fa; il rinnovato Arezzo di Ezio Capuano, ha stentato, fisiologiìcamente, a diventare squadra, ma piano piano con progressi evidenti agli occhi di tutti, comincia ad avere la propria fisionomia, comincia ad assimilare i dettami tecnici e tattici del mister campano.


Quarantacinque minuti deludenti, centotrentacinque che hanno fatto intravedere le doti di questa squadra; l'Arezzo attuale è completamente diverso da quello della passata stagione e non solo perchè sono solo quattro i giocatori confermati; nuovi schemi, nuovo modo di stare in campo, tanto fraseggio grazie al tasso tecnico  superiore di alcuni giocatori, gran lavoro degli esterni e gioco offensivo più marcato grazie alla presenza di due punte e di un trequartista.


Modellato così l'Arezzo ha dato dimostrazione di potersela giocare con chiunque ma è la duttilità dei 24 giocatori   a disposizione che permetterà a Capuano di avere ampia scelta nel modo di mettere in campo la squadra.


In parole povere, non vedremo mai il solito Arezzo, quello che per forza di cose era quello della passata stagione e che, comunque, ha conquistato una salvezza tranquilla.... ringraziamo tutti coloro che hanno permesso di vivere una nuova stagione in Lega Pro.


Ma il profumo di aria nuova non riguarda solo l'aspetto tecnico della squadra, si respira aria nuova nel nuovo corso che il Presidente Ferretti ha intrapreso.


Nuovo organigramma, nuove figure, tutte piene di entusiasmo e che hanno sposato il progetto del Presidente credendoci fermamente.


Progetti tanti, le premesse per diventare una società che unisce la solidità economica sopra la media nazionale in categoria, ad un nuovo modello societario ed un nuovo modo di interagire con la realtà aretina imprenditoriale e non , ci sono tutte e fanno ben sperare che il futuro del cavallino sia veramente amaranto....


Purtroppo, la risposta in termini di abbonamenti e di presenze allo stadio, non sembra quella sperata dalla società, anche se i derby contribuiranno ad alzare la media spettatori della scorsa stagione.


Starà poi a Capuano e ai suoi ragazzi portare nuovo entusiasmo, oltre lo zoccolo duro sempre presente, c'è un sottobosco che va alimentato con risultati e buone prestazioni.


L'idea di rinnovare la tribuna del Città di Arezzo, coinvolgendo tutti gli attori dell'Arezzo del tempo che fu, rservando loro un spazio per chi ha avuto l'amaranto addosso; la tribuna vip tendente ad avvicinare la sonnolenta imprenditoria aretina, la nuova tribuna stampa, accogliente così come le persone che hanno preso parte a questa piccola rivoluzione, sono tanti piccoli segnali positivi.


La ciliegina sulla torta, di una bella giornata che segnava l'esordio casalingo dell'Arezzo è mancata solo per una serie di circostanze sfortunate, ma l'applauso finale di tutto lo stadio è stato l'ennesimo segnale di maturità del tifo amaranto.


Domenica sera, la delusione era tanta, una partita che l'Arezzo avrebbe meritato di vincere per il gioco espresso, per le tante occasioni da rete create, un palo, una traversa, L'Aquila dominato in lungo e largo e, nei secondi finali la beffa per il gol della sconfitta segnato con una punizione dai trenta metri.......


Mister Capuano ci ha messo una nottata per smaltire rabbia e delusione, ma già da lunedì ha ripreso a torchiare e motivare i propri  ragazzi in vista della trasferta di Pontedera contro il Tuttocuoio, partita abbordabile per l'Arezzo ammirato domenica scorsa.


Poi, al Città di Arezzo sarà di scena la sfida con il Pisa...e sarà la prima sfida di cartello attesa da tutta la tifoseria amaranto.


Dieci giorni da vivere in apnea, dopo i quali potremo capire il ruolo che avrà l'Arezzo in questa stagione; semplice comparsa o attore protagonista?

 

Riccardo Bonelli





05.05.2018 1290281

UNA SERATA SPECIALE!!

Niente di programmato, perchè esisteva solo una piccolissima speranza.

Ma un minuto dopo il fischio finale di Carrarese - Arezzo, con una salvezza c [...]

Leggi Tutto
05.05.2018 1290281

NON CHIAMATELO MIRACOLO!

Questa è storia, una bellissima storia, una favola d'altri tempi.
Non chiamatelo Miracolo, sarebbe sminuire il valore dell'impresa di questi [...]

Leggi Tutto
28.04.2018 1290281

AREZZO-PISA, LE PAGELLE DI RICK

FERRARI - 7,0 - Grossi interventi non ne ha dovuto fare, ma ha dato tanta sicurezza al reparto, una sola incertezza in uscita, poi padrone della sua area e [...]

Leggi Tutto
28.04.2018 1290281

NUOVI AGGETTIVI CERCASI... DISPERATAMENTE!!

Immensi, commuoventi, tatticamente perfetti, grintosi, attaccati alla maglia, agguerriti, indomabili, battaglieri, valorosi, risoluti...ma sopr [...]

Leggi Tutto
21.04.2018 1290281

PRATO - AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

FERRARI - 6,0 - alcune uscite incerte, una scarsa intesa con i compagni di reparto compensano, in positivo un paio di buoni interventi

MUSCAT [...]

Leggi Tutto