LUCI, OMBRE DI UN AREZZO DOUBLE FACE IN ATTESA DELL'ESORDIO CASALINGO CON L'AQUILA

Da Santarcangelo sono arrivati due segnali da prendere in attenta considerazione; l'Arezzo del primo tempo, impresentabile, lento, abulico e sottomesso da una formazione, quella romagnola,  che Mister Capuano con estrema benevolenza ha definito una buona squadra.

Diciamo che i gialloblu  si sono dimostrati formazione che lotterà per difendere la categoria e che solo un Arezzo non pervenuto ha dato modo alla formazione di Zauli di fare un figurone nei primi quarantacinque minuti.


Poi c'è l'Arezzo del secondo tempo, in particolare dei primi venti minuti, riveduto e corretto da Capuano negli uomini ma soprattutto nello scacchiere tattico con un Tremolada più a suo agio quando davanti si è trovato a poter avere fonti di ispirazione con le due punte Cori e Defendi.


Ed è, partendo dalla prestazione  della ripresa che dobbiamo essere fiduciosi sul futuro del cavallino, l'Arezzo ha dimostrato di saper giocare bene, con qualità e soprattutto con un baricentro molto più alto della scorsa stagione.


La rosa a disposizione permetterà Eziolino di poter variare uomini, schieramenti e situazioni tattiche potendo contare su un parco giocatori di buon livello tecnico e una età media inferiore al passato.


Un Arezzo completamente rinnovato e che necessiterà di alcune giornate per poter svelare completamente la sua vera identità e di tanto lavoro sul campo durante la settimana.
Parlando dei singoli, buone notizie da Baiocco, un portiere che nella sua carriera ha avuto alti e bassi ma che, visto in opera a Santarcangelo, sembra poter essere in grado di poter raccogliere la pesante eredità lasciata da Benassi.


Buona la prova di Panariello, che deve ancora acquisire una condizione atletica accettabile, ma che ha dimostrato di essere il perno della difesa amaranto, dato che conosce a memoria il Capuano pensiero.
Buona per vivacità e diligenza tattica la prova di Carlini, specie nel secondo tempo quando ha giostrato da esterno destro.


Ma su tutti si erge da protagonista assoluto il centravanti Sacha Cori; solo il gol varrebbe un voto altissimo,  stop di petto e gran  girata al volo, ma è tutta la prestazione dell'attaccante laziale da incorniciare.


Dopo un primo tempo che ha ricordato a tutti il mestiere del centravanti aretino della scorsa stagione, isolato, combattente solitario, nella ripresa, con Defendi accanto, ha dimostrato che quest'anno, in avanti, l'Arezzo è in buoni.... piedi e testa!


Le note negative sono l'Arezzo in generale del primo tempo.... meglio scordarcelo, mentre per quanto riguarda i singoli, insufficienza per Vinci che non è mai riuscito a spingere e creare la superiorità numerica e per il giovane Madrigali, apparso sovente in affanno quando il Santarcangelo cercava la via della rete spedendo in area palloni per  la testa di Guidone.


Domenica alle ore 15 l'Arezzo ospiterà al Città di Arezzo la formazione abruzzese de l'Aquila, una sorta di rivincita contro la squadra che ha eliminato la formazione amaranto nel turno preliminare della Tim Cup.
La formazione rossoblu di Mister Perrone ha esordito con una vittoria sulla Pistoiese per due a zero. 

Due eurogol di Sandomenico e Mancini nel primo tempo e per L'Aquila esordio ok nel girone B di Lega Pro. Partita equilibrata nel primo tempo, la sblocca il folletto campano con una punizione da sogno dalla linea di fondo: 1-0. Pochi minuti dopo Mancini si inventa un gol alla Del Piero: tunnel e tiro a giro all'incrocio dei pali. Nella ripresa al 14' espulso Ceccarelli per doppia ammonizione, e sarà una assenza pesante ad Arezzo


Perrone schiera la formazione abruzzese con un 4-3-3. Elementi di spicco sono il capitano capitan De Sousa sempre pronto a lottare lì davanti creando pericoli in continuazione nella retrogardia avversaria ed il centravanti  Sandomenico,  che ha raggiunto, con il gol alla Pistoiese,  quota 10 gol in maglia rossoblù, dopo i nove della stagione precedente.


Banco di prova importante per l'Arezzo di Capuano, che dovrà scendere in campo con la determinazione dimostrata nel secondo tempo di  Santarcangelo, perchè servirà una prestazione sopra le righe per poter avere la meglio su una formazione che ben si è comportata nel campionato scorso con un settimo posto e la riconferma dell'ossatura della squadra.
E sarà un banco di prova anche per la tifoseria amaranto, in vista di una stagione ricca di derby e di sfide appassionanti.


Appuntamento da non mancare, Città di Arezzo, ore 15, scendono in campo gli amaranto!

 

Riccardo Bonelli

 





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto