ADDIO AGOSTO!!

IO PENSO CHE...


Io penso che, calcisticamente parlando, il mese di agosto andrebbe abolito; il mese del calciomercato, lungo, troppo lungo, aperto ancora quando già il campionato per molte categorie è già iniziato.


Il mese in cui si parla tanto, chi fa progetti, chi critica, chi spera, chi dispera...tutto sulla carta, senza riscontri oggettivi, e questo è terreno fertile per chi ama criticare a prescindere, forti del fatto che, se le cose andranno realmente male, si presenteranno in pompa magna con la famosa frase "IO, AD AGOSTO, LO AVEVO DETTO..."


Io penso che moriro' senza aver visto passare all'Arezzo una estate tranquilla; serie D da attori non protagonisti uguale a estati deprimenti; Arezzo ad un passo dal ripescaggio, la rinuncia, il successivo ripescaggio con Capuano correre a destra e manca, mietere il prato, accendere le luci, far girare i tornelli, e, a tempo perso costruire la squadra "materasso" per gli esperti di Lega Pro, me la chiamate una estate tranquilla?


Io penso che, anzi, speravo, che questa fosse la volta buona; squadra da poter costruire con calma, dedicarsi solamente agli acquisti, non avendo il grosso problema delle altre società di sfoltire le rose, troppo numerose per le nuove regole, troppo folte per bilanci disastrati, troppo folte per potersi permettere ingaggi faraonici firmati da Presidenti improvvidenti.


Invece, tra problemi logistici legati alle strutture che necessitano all'Arezzo di poter svolgere la preparazione settimanale, con soluzioni provvisorie, con la soluzione piu' logica, quella dei campini, ancora di lontana soluzione perchè è meglio la gramigna ad un bel prato verde, e problemi che sorgono come funghini... ops, scusate, come funghi, problemi che nemmeno sarebbere potute nascere nelle menti più fantasiose.


Amichevoli concordate e poi annullate per motivazioni comiche, fantasione, per ripicca, per antipatie, amichevoli annullate per DECISIONEN IRREVOCABILEN UND ORDINEN SUPREMEN delle questure, mai unite tra loro se non per evitare quei problemi  di ordine pubblico che "potrebbero sorgere" tra le tifoserie mentre sono sotto gli occhi di tutti i violenti scontri successi dopo il Palio di  Siena, senza che nessuno abbia posto il problema di far correre il Palio a Piazza chiusa, senza la presenza dei tifosi delle contrade......


Io penso che dare un giudizio sul nuovo Arezzo di Capuano sia ancora molto difficile, squadra completamente rinnovata e che ancora non ha un volto ben preciso.


Quando si parla delle amichevoli estive, quando le vinci "calcio di agosto, contano poco e nulla se non per mettere minutaggio nelle gambe dei giocatori"... quando le perdi "squadra incompleta, ancora indietro con la preparazione, bisogna tornare sul mercato, dubbi sui giocatori presenti e rimpianti su quelli passati...


Io penso che mai, come quest'anno, Mister Capuano avrebbe avuto bisogno di giocare amichevoli al ritmo di un paio a settimana.


Ed avrebbe dovuto giocarle con squadre deboli, evitando, almeno per il momento, confronti con squadre di categoria pari o  superiore. Magari questo pensiero mi potrebbe essere contestato, ed allora passerò a spiegare il mio modo di pensarla.


L'Arezzo è una squadra totalmente nuova, ma soprattutto è una formazione guidata da un tecnico, quale è Capuano, il cui credo tecnico tattico non è di facile assimilazione ed apprendimento.


I movimenti, le variazioni di modulo, le situazioni da calcio piazzato, i vari schemi, fase offensiva e fase difendente, il suo pensierio, l'animus pugnandi da mandare in campo assieme ai giocatori, son cose che hanno bisogno di tempo, di applicazione costante.


Giocare con continuità con formazioni di categoria inferiore avrebbe permesso a Capuano di far si che la sua squadra proponesse o tentasse di mettere in pratica tutto quanto sopra provando e riprovando, gli avversari lo avrebbero permesso con maggior facilità.


Giocando con avversari di categoria uguale o superiore difficilmente l'Arezzo è riuscito a proporre schemi nuovi, ancora i giocatori, evidentemente, non sono pronti e le squadre opponenti ben poco hanno lasciato spazio alle nostre giocate, perchè ancora non oleate a dovere.


Da qui il nervosismo di Capuano.
Capuano e' nervoso, e' sotto gli occhi di tutti, e' il Capuano prima di Arezzo, quello che avevamo conosciuto su youtube.


Ad Arezzo, non lo avevamo mai visto avere scatti di ira cosi' violenta... Ci sara' pure un motivo, c'e' di sicuro, il Mister ne sa sicuramente Il motivo, noi possiamo solo ipotizzarlo.


Da parte mia credo sia un mix tra stanchezza psicologica (quest'uomo non ha mai staccato la spina), stanchezza fisica (qualche scricchiolio lo avevamo gia' notato) , stress dai troppi impegni che si e' preso sulle spalle e soprattutto, credo, il fatto che non senta la squadra ancora sua, che non la abbia in pugno a livello livello tattico, ma soprattutto non senta ancora i ragazzi come un gruppo unito e dedito al suo condottiero.


L'anno passato i giocatori avevano fatto subito quadrato attorno a Eziolino, ma non c'era tempo per pensare, arrivati e catapultati nel bel mezzo di una impresa da compiere.


Capuano forse credeva di modellare la sua creatura prima del previsto, probabile che sia un po' in ritardo sulla tabella di marcia, che l'assimilazione del suo credo tattico sia piu' lenta e faticosa, che qualcosa gli manchi per completare il puzzle...


Io penso che, in ultima analisi che gli attuali vertici calcistici stiano  facendo morire il calcio. Se penso che il Catania per aver comprato diverse partite, fatto accertato, comprovato, indiscutibilemente vero senza ombra di smentita, la classica pistola fumante, è stato condannato solamente alla retrocessione in una categoria in cui sarebbe andato egualmente se avesse giocato pulito mentre al Teramo, per la combine con il Savona è stata preclusa, giustamente, la promozione in B ed è stato condannato alla serie D...... Chiamarsi Catania ha ancora una sua valenza nel calcio dei corrotti, chiamarsi Teramo è un po' come chiamarsi Arezzo, vittime sacrificali di un sistema che puzza di marcio.

 

Riccardo Bonelli





17.09.2017 1290281

TALMENTE SURREALE LA SITUAZIONE, TALMENTE INDECIFRABILE LA SQUADRA, TALMENTE EVIDENTI I RISULTATI CHE  CREDO SIA MEGLIO FAR DI TUTTA UN’ERBA UN FASCIO, PERCHE’ LE COLPE SON [...]

Leggi Tutto
17.09.2017 1290281

Terza sconfitta su quattro partite giocate, nove gol subìti, in quattro partite, tanti troppi orrori difensivi in tutte e quattro le partite, poca parvenza di gioco…… naturalme [...]

Leggi Tutto
16.09.2017 1290281

Ci ho pensato e ripensato se scrivere questo articolo. Ci ho pensato e ripensato se scriverlo come Riccardo Bonelli o come Pianetamaranto.

Poi ho deciso di scriverlo e pubblicarlo sia com [...]

Leggi Tutto
16.09.2017 1290281

Quarta giornata di campionato, l'Arezzo sarà di scena a Piacenza in un avvio di stagione in chiaro/scuro, con due sconfitte casalinghe e una vittoria esterna per una squadra che ha mostr [...]

Leggi Tutto
09.09.2017 1290281

 

 

BORRA – 7,0 – Uno dei migliori in campo tra gli amaranto. Sette gol subìti in tre partite, un incubo, ma poco e niente sulla co [...]

Leggi Tutto
08.09.2017 1290281

IMBARAZZANTI

 

Imbarazzanti…. È il primo commento che viene a caldo per definire la prestazione dei giocatori amaranto contro la Pistoiese. Leggi Tutto