E' IN PARTENZA DALLA STAZIONE DI AREZZO LA FRECCIA AMARANTO! TUTTI A BORDO!

Pensieri alla rifusa di una mente fusa, ed il caldo non è una scusa.......

Agosto è un mese strano, il mese del caldo, delle vacanze, ma soprattutto per noi tifosi è il mese del calcio parlato, anzi chiacchierato.


Il mese in cui nascono le speranze di una stagione che sia migliore della precedente, agosto è come una stazione ferroviaria nel calcio, ci sono partenze, arrivi, ritardi, cancellazioni, come nella migliore tradizione delle nostre linee.


Ma è anche il mese delle facili illusioni e delle prime polemiche; complici di tutto cio' le famosissime amichevoli estive, che se le vinci è calcio d'agosto, se le perdi t'incazzi e cominci ad allarmarti ed allarmare il tuo vicino, che allarma quello accanto... insomma, se perdi la squadra è incompleta, urgono correttivi, etc. etc.


Che poi, una volta, le preparazioni erano fatte seguendo i crismi consolidati da piu' di cento anni di storia del calcio: la prima settimana era dedicata esclusivamente alla parte atletica, il pallone era vietatissimo, non vi era traccia di ulsiasi cosa fosse di forma sferica nel raggio di qualche chilometro dal campo di allenamento e si racconta di calciatori, talmente in crisi di astinenza che in albergo  prendevano a pedate i testicoli del compagno di camera pur di dare il calcio ad una palla.


Dopo la prima settimana, ecco, come un miraggio, apparire i palloni, palleggi, tiri in porta, e partitella in famiglia.

Amichevoli? certo, ma dosate con avversari di categorie che andavano a salire partita dopo partita; iniziavi con squadre del paese che ti ospitava, formate da signori panciuti, ex giocatori ultracinquantenni, ragazzini e, per far numero il magazziniere e come portiere, quello dell'albergo che ti ospitava.


Poi aumentavano gradualmente la difficoltà fino a giocare con squadre della tua categoria ed arrivare all'amichevole di prestigio di lusso contro uno squadrone; di prestigio per te, di puro allenamento per lo squadrone.... punti di vista.


Oggigiorno no, dopo due giorni di ritiro volì in Cina, in Indonesia, in posti impensabili ed il piu' lontano possibile per affrontare Real Madrid, Barcellona, Bayern.

Busines lo chiamano.


Chiuso il preambolo, adesso parliamo di Arezzo.


La stagione passata è stata ricca di soddisfazioni, fare bene è difficile, fare meglio comincia ad essere più impegnativo: questo lo sa Mister Capuano, lo sapeva già al momento di legarsi all'Arezzo per altri due anni, lo sapeva Ezio al momento in cui decise di non riconfermare quasi nessuno della stagione esaltante, perchè ripetersi, per molti dei suoi giocatori, sapeva fosse quasi impossibile.


Forte di poter giocare in anticipo le sue carte, il mister e Ciardullo hanno cominciato a  sistemare le pedine nella scacchiera amaranto.

Ad oggi possiamo dire che manca ancora qualcosa, qualcuno, un paio di giocatori che possano aumentare ancora il tasso tecnico e la forza penetrativa della squadra ma l'Arezzo 2015-2016 ha già un volto, una struttura di gioco che poi riflette il credo e le convinzioni tattiche di Capuano.


La squadra, ad oggi, non ha brillato nelle amichevoli ed è uscita al primo ostacolo di preliminare della Tim Cup, e qualche preoccupazione comincia ad albergare nei tifosi amaranto.... ma tutto il mondo è paese e come detto prima, se vinci è calcio d'agosto, se perdi invece.....


I nomi che formano la rosa amaranto sono una garanzia, bisogna solo avere pazienza, i metodi, i movimenti, le situazioni tattiche del mister sono di lenta  ma costante assimilazione e la squadra e' apparsa chiaramente imballata, dato che i metodi Truda non sono digeribili nel breve ma pagano alla lunga e ne è testimonial indiscussa la storica formazione amaranto di Mario Somma che conquitò la B grazie anche ad una eccezionale tenuta atletica .


Capitolo Aniello Panariello, il giocatore simbolo del miracolo amaranto della scorsa stagione, il primo della lista in quanto  a rendimento.


Panariello, complice il suo procuratore si lascio' in malo modo da Arezzo, squadre di B e Lega pro fortemente interessate, lato economico da non sottovalutare, il mio assistito (dichiarò il suo Procuratore) ha un mercato importante..... Lasciarsi in silenzio avrebbe fatto bene a tutti.


Adesso Capuano e l'Arezzo si sono presi una bella rivincita. Aniello, oltre che un ottimo giocatore e' anche un bravo ragazzo, forse ancora un po' ingenuo e questa vicenda gli servira' da lezione.

Deve essere stato difficile, dal lato umano, tornare a capo chino ad Arezzo.


Molti se la sono presa con Ezio Capuano che avrebbe messo alla berlina il giocatore con le sue dichiarazioni sull'ingaggio piu' basso di quanto avesse richiesto il ragazzo, tramite il suo Procuratore Stefano Moreno.


Quello del mister era un monito sul fatto che nel calcio, a questi livelli, contano più le motivazioni, le riconoscenze, l'amore per la piazza, la sicurezza economica,  a fronte di piccoli ritocchi di ingaggio. Dicorso diversa sarebbe stato se Panariello avesse trovato un ingaggio importante o una squadra di serie B.


Ancora un paio di settimane e, finalmente, le chiacchiere lasceranno il posto ai fatti; il Città di Arezzo riaprirà le porte ai tifosi amaranto e le sfide si preannunciano calde come d'agosto anche se saranno giocate in autunno o d'inverno perchè i derby ( e ce ne saranno tanti) riscaldano il tifoso amaranto piu' del sole di questi giorni.


Non resta che aspettare, l'attesa sta per finire e finalmente torneremo ad incontrarci al solito posto, ascoltare l'inno e veder scendere sul verde prato del Comunale i nostri ragazzi, quest'anno con una delle più belle maglie che si siano viste e siano esse amaranto, bianche o nere, su di esse campeggerà in bella mostra il simbolo del nostro orgoglio aretino....IL CAVALLINO!!


E l'augurio finale è quello di ritornare a vedere il Presidente Ferretti a sedere nella sua poltroncina ad  assistere alle partite dell'Arezzo,

 

Riccardo Bonelli





17.09.2017 1290281

TALMENTE SURREALE LA SITUAZIONE, TALMENTE INDECIFRABILE LA SQUADRA, TALMENTE EVIDENTI I RISULTATI CHE  CREDO SIA MEGLIO FAR DI TUTTA UN’ERBA UN FASCIO, PERCHE’ LE COLPE SON [...]

Leggi Tutto
17.09.2017 1290281

Terza sconfitta su quattro partite giocate, nove gol subìti, in quattro partite, tanti troppi orrori difensivi in tutte e quattro le partite, poca parvenza di gioco…… naturalme [...]

Leggi Tutto
16.09.2017 1290281

Ci ho pensato e ripensato se scrivere questo articolo. Ci ho pensato e ripensato se scriverlo come Riccardo Bonelli o come Pianetamaranto.

Poi ho deciso di scriverlo e pubblicarlo sia com [...]

Leggi Tutto
16.09.2017 1290281

Quarta giornata di campionato, l'Arezzo sarà di scena a Piacenza in un avvio di stagione in chiaro/scuro, con due sconfitte casalinghe e una vittoria esterna per una squadra che ha mostr [...]

Leggi Tutto
09.09.2017 1290281

 

 

BORRA – 7,0 – Uno dei migliori in campo tra gli amaranto. Sette gol subìti in tre partite, un incubo, ma poco e niente sulla co [...]

Leggi Tutto
08.09.2017 1290281

IMBARAZZANTI

 

Imbarazzanti…. È il primo commento che viene a caldo per definire la prestazione dei giocatori amaranto contro la Pistoiese. Leggi Tutto