EDITORIALE LEGA PRO

GIRONE A


A tre giornate dal termine il Bassano mette una seria ipoteca finale conquistando la sua diciannovesima vittoria (decima in trasferta) battendo al Menti il Real Vicenza,  portandosi a quota 67 e staccando di tre punti il  Pavia che non va oltre il pari a Venezia.


Il primato è frutto anche della penalizzazione di otto punti inflitta al Novara, ma la squadra del Presidente Rossi ha tutti i connotati tecnici ed economici per conquistare una meritata serie B.


Già, il Novara che sul campo meriterebbe la prima posizione, ma è costretta ad inseguire e lo fa nel migliore dei modi, rispondendo presente, con la seconda vittoria consecutiva conquistata a spese della Giana Erminio, che colloca i piemontesi al quarto posto a cinque punti dalla vetta, forse troppi a tre giornate dal termine, ma con la possibilità di giocarsi da favorita i play off.


L'Arezzo cancella definitivamente i sogni del Como di poter ambire al quarto posto, andando a conquistare un meritato pareggio in riva al Lago; per gli amaranto di Mister Capuano salvezza praticamente conquistata e ambizioni di rientrare fra le prime nove per poter disputare la Tim Cup del prossimo anno; traguardi impensabili a settembre.


Novara -8, Monza -6, Mantova e Venezia -3, Pavia e Pro Patria -1. Mai come quest'anno i problemi economici delle società hanno condizionato la classifica, mortificando i reali valori sul campo; nulla toglie, però , che le penalizzazioni, ancorchè tardive, sono giuste nei riguardi di quelle società che, con oculatezza, hanno gestito la parte economica.


Il Como, come detto, ha perso forse l'ultimo treno play off, una stagione partita con ben altri obiettivi e con un parco attaccanti secondo a nessuno nel girone.


Seconda vittoria consecutiva per il Monza che dopo il colpaccio di Alessandria, batte anche il Pordenone e accorcia a soli due punti la distanza dalla salvezza diretta; nonostante le vicissitudini societarie, onore a Mister Pea ed ai suoi ragazzi che continuano nella lora marcia, da professionisti esemplari.


Lumezzane, Pordenone, Albinoleffe e Pro Patria si giocheranno nei prossimi tre incontri i play out, per una di loro, sarà retrocessione diretta in Lega Nazionale Dilettanti


GIRONE B


Impresa del Prato che batte la capolista Teramo, interrompendo una imbattibilità che durava da ben 24 giornate; per i toscani il gran gol di D'Urso vale tre punti d'oro che consente ai lanieri di essere, attualmente salvi.


Una rimonta tutto cuore quella dell'Ascoli che sta attraversando un momento difficile ma che, con il piglio della grande squadra rimonta al Del Duca una sorprendente Carrarese e vince al minuto 92 con un gol di bomber Altinier giunto al quindicesimpo centro stagionale. 

La contemporanea sconfitta del Teramo porta i bianconeri a soli quattro punti, rimonta difficile ma non impossibile.


La Spal di Mister Leonardo Semplici non si ferma piu'! Settima vittoria consecutiva quella ottenuta al Mazza dagli estensi che strapazzano il Tuttocuoio e si portano al quarto posto in classifica, una cavalcata esaltante ed entusiasmante per i biancoazzuri che vedono nella B non più un miraggio ma un obiettivo raggiungibile, visto lo stato di forma e l'entusiasmo della squadra ferrarese.


Seconda vittoria consecutiva..e che vittoria quella conquistata, contro ogni pronostico, a L'Aquila; la squadra romagnola di Mister Firicano che torna a vedere come obiettivo realizzabile, la salvezza diretta.


Se non segnano La Padula e Donnarumma il Teramo non vince, anzi, è andata ancora peggio con il semaforo rosso dopo 24 partite in terra toscana, al Bisenzio di Prato.


Una sconfitta quasi sicuramente indolore, dato che il margine di vantaggio sull'Ascoli è ancora rassicurabile, anche se è un piccolo campanello d'allarme da non sottovalutare.


Carrarese sprecona ad Ascoli, e così per gli uomini di Mister Remondina arriva la terza sconfitta consecutiva che vanifica tutto quanto di buono era stato fatto dai marmiferi negli ultimi mesi, mettendo in discussione una salvezza che sembrava oramai acquisita.


GIRONE C


Sconfiggere le due regine del campionato non è impresa da tutti i giorni per cui le vittorie di Matera e Juve Stabia hanno, di diritto, la prima pagina sulla storia di questo campionato.


Grandissima partita delle vespe stabiesi che battono la capolista Salernitana per uno a zero, ma il risultato non rispecchia la netta superiorità degli uomini di Mister Savini; con questa vittoria la Juve Stabia (giunta alla sua terza partita consecutiva, la diciottesima stagionale) si conferma terza forza del campionato.


Allo stadio XXI Settembre, davanti a seimila spettatori va di scena lo spettacolo Matera che batte il Benevento per due a uno grazie ai gol di Bernardi e Madonia (il gol campano arriva a tempo scaduto con Scognamiglio) mantenendo la quarta posizione.


Una sconfitta da mordersi le mani per il Benevento, vista la sconfitta della Salernitana e che costa la panchina a Mister Fabio Brini, esonerato dal Presidente campano Vigorito, dopo quindici mesi di permanenza.


A sostituire Fabio Brini sulla panchina del Benevento saranno Juan Manuel Landaida e Daniele Cinelli. Due tecnici che in passato hanno vestito la maglia giallorossa.


Naturalmente Salernitana e Benevento sono le delusoni di giornata, anche se la sconfitta dei giallorossi è risultata quella più dolorosa.


Il Foggia di Mister De Zerbi, esce sconfitta da Lecce e dice addio, definitivamente, alle speranze di agganciare la zona play off.


Stagione disgraziata già sul campo per la Reggina, figuriamoci se ci aggiungiamo il fardello, pesantissimo, dei sedici punti di penalizzazione; mestizia e rassegnazione in terra calabrese per una umiliante retrocessione nei campionati dilettanti.


Purtroppo, anche in questo girone, la classifica risente, pesantemente delle penalizzazioni decise dalla Federazione per motivi economici.

 

Riccardo Bonelli





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto