L'AREZZO DEL "BRAVO" CAPUANO VA A FARE PUNTI DAL COMO DI DON ABBONDIO

Non piace il gioco di Capuano?

Pazienza, perchè l'Arezzo, nonostante le numerose assenze e contro il Como, quarto in classifica, con una formazione che solo a leggerla, incuteva timore, con un parco attaccanti che, se solo la metà li avessero avuti gli amaranto, racconteremmo una storia ancor più bella, conquista un meritatissimo pareggio, giocando una partita tatticamente quasi perfetta.


Certo che con una formazione lontana parente di quella titolare, qualche sbavatura c'è stata, ma nel complesso l'Arezzo ha giocato compatto, senza lasciare distanze pericolose tra i reparti, con una difesa che ha retto senza problemi l'urto dei vari De Sousa, Defendi, Le Noci e Ganz (avete letto bene?), buona nel complesso  la prestazione di De Martino, dopo un avvio timoroso e penalizzato da una botta allo zigomo, il suo primo tempo è stato confortante.


Centrocampo grintoso, che ha coperto bene in fase difensiva e non ha disdegnato di proporsi in fase offensiva e con le due ali che hanno corso come trenini  di linea non consentendo al Como aperture sulle fasce.


In avanti Bonvissuto e Yaisien hanno fatto tanto movimento, creando spazi per gli inserimenti, in uno dei quali è arrivato il pareggio di Dettori, per cui il giudizio non può essre che positivo.


L'Arezzo visto oggi  a Como, nonostante la vista bellissima sul lago, ha dimostrato che le vacanze sono ancora lontane e che le tre partite rimanenti saranno affrontate con la consapevolezza che gli uomini di Mister Capuano hanno ancora la voglia di stupire, magari con maggior fatica e difficoltà perchè la condizione fisica è quella che è, ma l'entusiasmo di questi ragazzi è ancora tale da sopperire a queste  difficoltà.


La settimana ricca di polemiche non ha avuto alcun riflesso negativo sulla squadra, un pericolo che poteva starci e che avrebbe avuto effetti negativi sulla prestazione odierna; nulla di tutto questo, Mister Capuano ha saputo creare uno scudo protettivo che ha retto l'urto d'onda creato dal Presidente Ferretti e da tutte le reazione che ne hanno fatto seguito.


Tre giornate alla fine del campionato, tre partite da affrontare con la tranquillità di aver raggiunto un obiettivo, ritenuto impossibile, tre partite in cui noi, Capuano. i giocatori, il Presidente potremmo tentare di toglierci altre soddisfazioni.


Non abbiamo vinto il campionato, ma è come se lo avessimo fatto, per cui le due partite al Città di Arezzo dovranno essere altrettante feste, diamoci anche noi da fare, dobbiamo dimostrare la nostra gratitudine e nello stesso tempo invogliare la Società a fare investimenti taki da poter competere, fin dal prossimo anno, per la serie B; uno stadio pieno e festante può essere uno stimolo in più per il Presidente Ferretti, no?

 

Riccardo Bonelli





01.07.2018 1290281

C'è aria nuova intorno all'Arezzo.Una nuova Società, nuovi programmi, tanto entusiasmo.

E dopo una annata da dimenticare in fretta, ci voleva questa aria di rinnovam [...]

Leggi Tutto
30.06.2018 1290281

DUE COMUNICATI CHE CERTIFICANO IL COMPLETAMENTO DEL MIRACOLO SPORTIVO ED ECONOMICO -

Orgogliosi di tutti coloro che hanno contribuito affinchè tutto questo potesse avvenire.

[...]

Leggi Tutto
25.06.2018 1290281

ECCOLO! Comunque esso sia, sarà il nostro biglietto da visita [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

LOGO NUOVO... VITA NUOVA

I segnali di rinnovamento, lo dice l'economia, lo dice il marketing, passano anche dal rinnovamento di un logo, il principale mezzo comunicativo di una societ [...]

Leggi Tutto
22.06.2018 1290281

Dispiace per Cesena, per il Cesena, per i suoi tifosi e per il calcio in generale.
Ma come si fa ad avere accumulato un debito di 73 milioni di euro? 
Da quanto dura questa situa [...]

Leggi Tutto
13.06.2018 1290281

Il Direttore Generale Ermanno Pieroni ed il Presidente La Cava hanno dunque delineato le linee guida di quello che sarà il nuovo Arezzo ingaggiando un tecnico giovane, cha ha saputo lavorare [...]

Leggi Tutto