CHIAMATELO AREZIO !!

La notizia è che Ezio Capuano ha prolungato il contratto che lo lega all'Arezzo Calcio per altri due anni.


Sarebbe una notizia che meriterebbe giusto un trafiletto stile comunicato se non fossimo ad Arezzo, città che non si affaccia sul Mare Mediterraneo ma che è sempre stata, negli ultimi anni, un porto di mare per giocatori, presidenti e, soprattutto, allenatori.


Chi lo avrebbe detto otto mesi fa che oggi avremmo esultato ad una notizia del genere, che l'autore del miracolo Arezzo, Ezio Capuano, ha deciso di fermarsi nella nostra città, ha deciso di continuare a condividere con il suo popolo amaranto una avventura calcistica fino ad oggi esaltante.


In Lega Pro, "solo" ottavi in classifica e, caro Riccardo, la definisci una stagione esaltante? Dall'esterno potrebbero anche pensare, con una affermazione del genere,  di rinchiudermi nel Manicomio di Montelupo Fiorentino (scusami Ezio, ma è solo la prima delle tue citazioni che rubo...), ma chi ha seguito passo passo, giorno dopo giorno la storia che lega il Mister all'Arezzo, sa benissimo che questa non è affatto una boutade.


Capuano è arrivato, questa estate, ad Arezzo con la diffidenza che ci ha contraddistinto negli ultimi anni; una diffidenza causata da annate di passione calcistica calpestata, offesa, derisa, con Presidenti di passaggio, fantomatiche cordate, allenatori e giocatori adeguati alla situazione.


La Presidenza Ferretti non riusciva a far decollare l'Arezzo, Capuano arrivava sulla scia di Youtube e si portava dietro il fardello di alcune prestazioni delle sue squadre contro gli amaranto, mai finite in maniera "amichevole"


Ma fin dal momento della sua presentazione, ha conquistato tutti per come si è immedesimato nel contesto di una piazza delusa, motivandola, esortandola a non mollare e, attenzione eravamo ancora in serie D.


Ma a lui va il grande merito di aver creduto nel ripescaggio, martellando Ferretti, mettendo a nudo tutti i difetti del Presidente ma nello stesso tempo difendendolo a spada tratta.
Oggi possiamo vantarci di avere una società sana, una squadra sulla bocca di tutti per il miracolo compiuto, ed un allenatore che finalmente viene riconfermato.


Ezio Capuano che firma per due anni è il sigillo di sicurezza che la Società ha programmi ambiziosi, altrimenti, ne sono certo, il Mister non avrebbe nemmeno sottoscritto un contratto annuale.


Capuano è un ambizioso, irrequieto, irrascibile e competente allenatore, ma è, soprattutto, un uomo vero, di onore, che ama il suo mestiere al limite dello strapazzo (e due...) preparatissimo a livello tattico e che non lascia nulla al caso.


L'Arezzo il prossimo anno tornerà a giocare numerosi derby, sarà un campionato difficile a livello agonistico, ma nello stesso affascinante, perchè il fascino del derby, nel calcio, non ha paragoni.


Importante sarà stare con i piedi ben piantati a terra, il calcio oggi propone situazioni societarie drammatiche, l'Arezzo, è uno dei pochi fiori all'occhiello di questo mondo ed il Presidente Ferretti dovrà continuare su questa strada pur con qualche necessario sacrificio in più; non vedremo ad Arezzo grandi nomi e la scelta dei giocatori dovrà essere fatta con oculatezza e lungimiranza.


La società ha programmi ambiziosi, fare meglio di quest'anno significa lottare per la B e a Mister Capuano sono state consegnate le chiavi di una macchina da trasformare in bolide; sarà lui a fare il mercato , a scegliere i giocatori e sarà lui a guidarla.


E qui, magari, spuntano gli scettici, quelli che pensano che Capuano sia bravo a salvare le squadre dalla retrocessione ma con il suo gioco difensivo obiettivi più importanti non sono alla sua portata.


Starà al Mister convincere gli scettici, e lo farà nello stesso modo con il quale ha conquistato Arezzo e gli aretini; smentendoli come ha smentito chi pensava che Ezio conoscesse un solo modo di giocare. Un solo modulo, per conoscenza , per affidabilità, per necessità perchè con un manipolo di giocatori arrivati all'ultimo momento e da buttare subito in campo non poteva fare altrimenti.


Ma un modulo il 3-5-1 o 3-5-2 che Capuano ha dimostrato di applicare con mille sfaccettature diverse, con mille risvolti tattici adeguati all'avversaria di turno, studiata nei minimi particolari e senza lasciare nulla al caso, dimostrando che a poco serve riempirsi la bocca di moduli, ma dando importanza basilare alla applicazione maniacale del suo credo calcistico, maturato non per caso o per corsi per corrispondenza per allenatori (ogni riferimento a chi vi scrive non è puramente casuale) ma attraverso 25 anni passati a studiare calcio in ogni situazione possibile ed immaginabile.


E per fare questo, importante è la scelta dei giocatori, perchè Capuano lo si ama o lo si odia, fuori del campo, ma soprattutto in campo; chi si metterà a disposizione del Mister dovrà credere in lui, dovrà subire allenamenti martellanti, imprecazioni, sacrificarsi in campo in maniera illimitata (e tre...) altrimenti avrà due opzioni, non venire ad Arezzo o pettinare le bambole!


Attualmente Ezio Capuano è l'Arezzo, lo dicono i risultati, lo dice il Presidente, ma soprattutto ha l'appoggio incondizionato dei tifosi amaranto che dai tempi di Mario Somma e Serse Cosmi  non avevano amato altri allenatori.


Ezio Capuano ha riportato l'Arezzo tra i professionisti con un ripescaggio in cui ha creduto senza cedere allo sconforto, ha partecipato a tutte le fasi passo dopo passo, ha misurato i lumen dell'impianto di illuminazione, ha fatto girare i tornelli, apriva lo stadio la mattina e lo chiudeva la sera, ha esultato come un bambino all'annuncio e da quel momento ad oggi ha dimostrato di essere un professionista a 360 gradi, con una dedizione da tutti riconosciuta e apprezzata.


A dicembre del 2014 feci un articolo sull'Arezzo, raccontando la storia dei suoi ultimi anni paragonandola ad un viaggio in pulman; mi piace riportare un estratto di quello scritto che riguardava Capuano


".......si riparte, rimontiamo..rimonto sull'autobus e vedo un omino piccolo che si fa largo tra la folla, ben vestito, occhiali a specchio, sale le scale e si mette al posto di guida; se non fosse che ne ho viste di tutti i colori in cinquantanni di viaggi con l'Arezzo, vorrei scendere, conoscevo Capuano come un autista pazzo, che chissà se aveva la patente,... ma mi metto la cintura, faccio il segno della Croce e mi tengo forte.
Invece Capuano mette in moto il bus e parte deciso, forse corre un po troppo, prende le curve allegramente, frena di scatto e riparte in quarta ma....sembra conoscere la strada!!!! E mentre guida parla di moduli di tattica di fase offendente, di braccini di destra e di sinistra, sembra illimitatamente esperto nella guida, specie in condizioni precarie, siano essi mezzi di fortuna o pullman di lusso superaccessoriati e tutti lo seguono, tutti rivedono in lui la luce abbagliante apparsa di colpo in fondo al tunnel.......... E LA STORIA CONTINUA.......FORTUNATAMENTE......
"


La strada intrapresa, dunque,sembra  essere finalmente quella giusta, adesso siamo nelle  tue mani caro Mister, tutte le aspettative, i sogni, le speranze che il cavallino torni agli antichi splendori sono un onere ed un onore che sono certo non ti peseranno più di tanto; le battaglie sportive che ci aspettano, ti daranno una carica maggiore, ammesso sia possibile, a dimostrare che Ezio Capuano, detto Eziolino, ha deciso di fermarsi ad Arezzo per altri due anni per scrivere pagine importanti nella gloriosa storia del calcio aretino.


IN BOCCA AL LUPO EZIO!

 

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto