BENE BENISSIMO, BRAVI BRAVISSIMI, QUESTA E' UNA SQUADRA DI QUALITA'

Ennesima dimostrazione di forza al Città di Arezzo degli amaranto di Eziolino Capuano che costringono un'altra big del campionato a segnare il passo, a soffrire, a rischiare la sconfitta, ad uscire dal Comunale con un punto felici e contenti.


Tocca alla ex capolista Alessandria prendersi uno spavento e rimediare con un gol fortunoso dopo che l'Arezzo era passata in vantaggio con Guidi ed aveva avuto la possibilità di raddoppiare, poco dopo, con Sabatino.


Intendiamoci, il pari, alla fin fine è risultato accettabile, giusto, gli uomini di Mister Luca D'Angelo sono una gran bella squadra, la più forte come organico nel girone; hanno reagito al gol senza scomporsi, continuando a macinare gioco e creando, da quel momento in poi, qualche grattacapo all'Arezzo, calato leggermente a livello fisico, come era logico aspettarsi.


Ma l'Arezzo targata Capuano è una squadra nel vero senso della parola; un gruppo serio, dedito al lavoro, consegnatosi in toto ai moduli e ai dettami tattici del proprio mister.


Il Città di Arezzo apre i battenti alle ore 11, un orario inconsueto, e finalmente si rivede la tifoseria avversaria, da applausi in quanto a dedizione per l'orario di partenza sia per correttezza.


Il vento ha avuto un ruolo, se pur marginale, sull'andamento dell'incontro; nel primo tempo l'Arezzo ha faticato, mentre nella ripresa, quando soffiava a favore, lo ha sfruttato giocando con lanci lunghi o cercando di disegnare traiettorie, sul calci da fermo, che potessero mettere in difficoltà i grigi piemontesi.


Quattro minuti di fuoco hanno infiammato l'incontro e la Curva Minghelli, quattro minuto in cui si è vista una forza d'urto mai vista negli amaranto; prima Yaisien e Montini non riescono a finalizzare una micidiale ripartenza nel prosieguo dell'azione ci vuole il miglior Nordi per togliere dall'angolo alto un missile di Carcione, poi la pennellata dello stesso Carcione che permette a Guidi di staccare di testa e segnare un gran gol.

Nemmeno un giro di lancette e l'Alessandria rischia seriamente la seconda capitolazione con un sinistro di Sabatino, dopo l'ennesima ripartenza, che esce di pochissimo dando l'illusione del gol.


L'Alessandria, da grande squadra, riesce a reagire, l'Arezzo rallenta necessariamente i ritmi e, purtroppo, prende l'ennesimo gol evitabilissimo, piemontesi che trovano il pari dopo una serie di carambole in area con Mezzavila che deve solo spingere in rete.


Mister D'Angelo intravede la possibilità di vincere la partita, i piemontesi spingono maggiormente anche grazie all'ingresso in campo di Iunco e sfiorano il vantaggio ancora con Mezzavila.
Il fischio finale sancisce un pari gradito a tutti, un risultato di parità scaturito dopo una gara ben giocata dalle due squadre, una partita a scacchi tra due tecnici che non lasciano nulla al caso e che hanno dichiarato stima reciproca.


Solito Arezzo, e quando diciamo così, vogliamo fare l'ennesimo complimento ad una squadra che sta facendo qualcosa di speciale, di assolutamente impensabile, l'ennesimo applauso del Città di Arezzo e, soprattutto della Minghelli è il giusto riconoscimento ad un gruppo di giocatori a cui la classifica rendere onore e meriti; e l'ennesima dimostrazione di amore verso Ezio Capuano è la  certificazione che la strada per il futuro dovrà prendere una sola direzione....UN SENSO UNICO!


A proposito...dimenticavo (mica vero, me la son voluta tenere per ultima..)


Il Marconi giocatore, oggi, sul campo, ha dimostrato di valere quanto il Marconi osservatore, quello che nello stilare la relazione tecnica sull'Arezzo a Mister D'Angelo ha definito la squadra amaranto in questi termini "Domenica io mi aspetto il fortino, come al ''Moccagatta'''...... atteggiamento provocatorio: sempre a terra, sempre a protestare, per disturbarci, per costringerci a reagire, anche solo a toglierci tranquillità e lucidità"


Carissimo Marconi, per togliergli tranquillità e lucidità, non c'è stato bisogno di fare nulla di speciale...ha fatto tutto da solo; e sicuramente Mister D'Angelo avrà letto la relazione e poi l'avrà stracciata, ecco perchè non ha perso.....

 

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto