Pensieri proibiti,speranze illimitate

Terza partita consecutiva al Città di Arezzo, e dopo due vittorie.... beh, ecco il sogno proibito.

Che poi tanto proibito non lo è, diciamo che per scaramanzia, lo chiameremo così.

Quella con il Bassano è una partita da prendere con le molle dato che la squadra di Tonino Asta si presenta al cospetto degli amaranto forte della seconda posizione ad un punto dalla vetta, mettendo sul piatto tredici punti di differenza (forse, dato che loro hanno una partita in più) e la volontà, dopo due pareggi consecutivi, di prendersi tre punti e continuare a sperare nella B.

E sì, perchè nonostante a Bassano tutti facciano i modesti, dichiarando di voler fare solo un campionato tranquillo, il Presidente Rosso, il signor Diesel, tanto per intendersi, vuole la serie B, senza mezze misure, altrimenti sarebbe un fallimento visto lo sforzo economico sostenuto.

Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo Mister Capuano... mica micio micio bau bau......

Ed Eziolino ha una memoria di un elefante, si ricorda a memoria le sue formazioni di venticinque anni fa, piccolissimi dettagli ad altri sfuggiti, figuriamoci se si è scordato quello che è successo al Mercante nella partita di andata..

E siccome nel calcio si prendono e si danno non solo i gol.....e a Bassano le reti le abbiamo prese.... e non solo quelle.. domenica al Città di Arezzo Mister Capuano, che è un galantuomo, vorrà sicuramente rendere il favore al suo collega Tonino Asta.

Dire che avrà caricato i suoi giocatori a dovere è perfettamente inutile, questa è una prerogativa settimanale di mister martello, e del resto la squadra sotto questo profilo pochissime volte ha fatto cilecca.

Piuttosto, questa volta, per assurdo, avrà dovuto fare il pompiere; due vittorie consecutive, avversaria di grido, il ricordo dell'andata sono motivi validi per raggiungere un livello di euforia tale al limite dello strapazzo...e non va bene...

E sempre per assurdo, se quella con Renate e Mantova erano partite fondamentali da vincere e difficili da interpretare perchè si sa, chi viene al Comunale, si chiude e riparte e se non segna, in queste situazioni l'Arezzo rischia di brutto (Albinoleffe docet) il Bassano si presenterà ad Arezzo con piglio battagliero, saremo noi a difenderci ed agire di rimessa, ed il fatto non dispiace a nessuno, vero?

L'Arezzo di Capuano ha sempre dimostrato di trovarsi a suo agio in queste situazioni tattiche; certo, il valore dei singoli fa pendere l'ago della bilancia dalla parte del Bassano, i giallorossi giocano a memoria con l'ossatura dell'anno passato che ha fatto faville, ma gli amaranto metteranno agonismo, sagacia tattica ma soprattutto giocheranno al cospetto della Curva Minghelli... a Bassano avranno pure il Ponte degli Alpini là dove..."ci darem la mano", ma una curva così se la sognano, e domenica avranno possibilità di testare quanto sia un elemento importante per Capuano, per i ragazzi, per tutti noi che amiamo l'Arezzo e da quella curva, negli anni, ci siamo passati tutti.

Mi immagino Eziolino nel suo ufficio a ripassarsi la lezione, a cercare soluzioni tattiche, come sempre, come un sarto , su misura dell'avversario, braccini di destra, di sinistra, dilemma sul centrocampo, dilemma su cambiare modulo o continuare ad affidarsi ai "codici" inattaccabili del suo credo tattico per non confondere le idee dei suoi ragazzi, anche se la ricerca continua al miglioramento e i giocatori arrivati a gennaio che gli consentono variazioni sul tema lo devono tentare.... beh, mi sono sentito, per un istante...ILLIMITATAMENTE CAPUANO!!

E ADESSO IL MIO SOLITO ANNUNCIO..... AL LIMITE DEL PATETICO A QUESTO PUNTO.

L'Arezzo sta andando oltre le più rosee previsioni, la squadra attraversa un periodo sia di forma che di risultati veramente positivo e la classifica comincia ad assumere una fisionomia che ci piace, eccome.

Nelle due ultime partite casalinghe, chi non è venuto ha avuto il torto di non aver assistito a due vittorie in due partite completamente diverse tra loro...tanto per dire che l'Arezzo non è monotono, non annoia.

Ha avuto il torto di non vedere la splendida rimonta, emozionante, quasi impossibile con il Renate, ha avuto il torto di non vedere la vittoria contro il Mantova, con poche sbavature e senza patemi.

Ma una cosa hanno avuto in comune queste due partite, la corsa sfrenata di Eziolino verso la Curva ed il saluto al suo popolo, i giocatori amaranto abbracciati al fischio finale ed esultanti sotto la Minghelli.

Assistere a queste cose, non c'è paragone.. per tutto il resto c'è Sportube.....

Nessun appello, l'Arezzo è di chi lo ama, è una passione che va coltivata giorno dopo giorno, non una moda che si segue o non si segue a seconda del periodo o della stagione.

A proposito, il prato del Comunale è tornato ad essere verde e quasi bello.... sia mai che qualcuno non veniva per non vedere un campo di patate......

Beh, chi invece ha come scusa la Maratona.... abbiate pazienza....

Riccardo Bonelli





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto