Il punto sui tre gironi di Lega Pro - 24esima giornata

Girone A e B la cui classifica è incompleta a causa di partite importanti non disputate per il maltempo e che vedono impegnate, in scontri diretti squadre in lotta per i play off ed i play out.

L'Arezzo di mister Capuano è una di queste squadre; lo scontro salvezza contro il Lumezzane è saltato per la neve che ha coperto il manto erboso della società bresciana.

GIRONE A

Due le partite non disputate per il maltempo, due scontri diretti per la salvezza quali Lumezzane-Arezzo e Giana Erminio-Pordenone

Sale in vetta alla classifica il Novara che approfitta dei passi falsi delle antagoniste Bassano e Pavia, vince la sua tredicesima partita stagionale battendo al Silvio Piola la Pro Patria e si porta a quota quarantasei punti.

Per la squadra di Mister Toscano è il coronamento di un lungo inseguimento, dopo una prima parte di torneo vissuta ancora nelle ruggini di un mancato ripescaggio in B.

Ma l'impresa della ventiquattresima giornata è quella dell'Alessandria che espugna il campo della capolista Pavia che interrompe la sua striscia positiva di quattro vittorie.

I grigi piemontesi confermano di essere squadra temibilissima in trasferta; sette vittorie fuori del Moccagatta sono un record tra tutti e tre i gironi che compongono la Lega Pro.

SudTirol e Real Vicenza mantengono i contatti con le zone a ridosso dei play off vincendo i rispettivi incontri casalinghi contro Cremonese e Monza.

Campionato disastroso quello della Cremonese, partiti con ben altri obiettivi in estate, i grigiorossi navigano nelle parti basse della classifica ed il livello di allarme in terra lombarda è salito notevolmente, perchè la zona play out non è poi così distante; netta la sconfitta subìta a Bolzano, la nona stagionale.

La seconda sconfitta casalinga della stagione, quella subìta ad opera del Como, costa il primato in classifica al Pavia; sfortunati gli uomini di Maspero, condannati da una autorete di Cristini.

Due trasferte consecutive e due sconfitte per il Renate che dopo sette risultati utili consecutivi, dopo lo stop di Arezzo trova il secondo semaforo rosso al Martelli di Mantova e la situazione in classifica torna a farsi preoccupante.

GIRONE B

Anche questo girone paga pegno al maltempo con due partite rinviate; L'Aquila-Tuttocuoio e Reggiana-Pisa

L'Ascoli conquista la seconda vittoria consecutiva, sempre in rimonta; dopo quella rocambolesca di San Marino, ecco quella casalinga a spese della Spal ed i bianconeri di Mister Petrone confermano il primato in classifica con 47 punti. Ancora in gol bomber Altinier giunto al suo dodicesimo cento stagionale.

Approfittando del big match della giornata Reggiana-Pisa, saltato per l'impraticabilità del campo del Giglio, il Teramo si conferma seconda forza del campionato andando a vincere di goleada (1-4) a Gubbio; ancora in gol la coppia regina di tutta la Lega Pro, doppietta di Donnarumma che sale a quota dodici ed un gol di Lapadula che segue il compagno con dieci reti.  il totale parla di 22 reti per i gemelli del gol.

Undicesima sconfitta per la Pistoiese; serie da incubo con sei sconfitte ed un pareggio negli ultimi sette incontri, nei quali ha subìto ventidue reti. Ritmi da retrocessione per gli arancioni di Mister Lucarelli in odore di esonero dopo la sconfitta casalinga con il Grosseto.

Savona e Prato pareggiano lo scontro diretto e lo zero a zero in una brutta partita ed è una sconfitta per entrambe le formazioni che rimangono impantanate nella zona play out.

GIRONE C

Viaggiano a braccetto a suon di vittorie Benevento e Salernitana salutando e staccando le piu' immediate inseguitrici che non vanno oltre dei deludenti pareggi.

Il Benvento vince il posticipo contro la Lupa Roma, rispondendo alla Salernitana che per un giorno aveva cullato il sogno del primato battendo l'Ischia con i gol di Nalini e del capocannoniere del girone Caetano (13 reti).

L'unica a non perdere terreno dalle battistrada è il Lecce che batte al Via del Mare il Savoia, salendo a quota 42 ai margini della zona play off.

In ottica salvezza è da considerarsi ottimo il punto conquistato dalla Reggina a Barletta; le contemporanee sconfitte di Ischia, Savoia e Aversa Normanna consentono agli amaranto calabresi di tornare a sperare nella salvezza, un sogno solo qualche mese fa.

Pareggiano e perdono terreno dalle prime due posizoni la Juve Stabia che si fa imporre l'uno a uno casalingo dal Martina e la Casertana che impatta due a due a Cosenza.

Le vespe stabiesi, soprattutto, si mangiano le mani per non aver saputo sfruttare il turno casalingo.

Aversa Normanna sempre più vicina al baratro della retrocessione tra i dilettanti dopo la sconfitta interna contro il Foggia. Adesso sono sette i punti di distacco dalla Reggina, penultima, tanti, forse troppi per una formazione capace di vincere una sola volta in ventiquattro incontri e di subire ben quattordici sconfitte. Numeri impietosi che indicano chiaramente la via per la serie D.

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto