Parlando di Arezzo

Non è un vero e proprio articolo, perchè di solito si sceglie un argomento e se ne parla, io scrivo, voi leggete.

Senza un filo logico, chiedo venia.

Ma a volte i pensieri di un tifoso amaranto, (me medesimo) sono tanti e viene la voglia di esternarli a getto, e per questo sono sempre onorato quando qualcuno mi mette a disposizione spazi per poter parlare dell'Arezzo.

Arezzo-Renate è una di quelle partite crocevia delle sorti amaranto; vabbè lo era anche quella con l'Albinoleffe, con la Torres e lo saranno anche quelle successive con Lumezzane e Mantova.

Ma proprio visto che abbiamo perso le due partite da non perdere assolutamente, ecco che la sfida con i nerazzurri lombardi, se prima aveva una certa importanza, adesso ha un valore ancora maggiore.

Vincerla (e dobbiamo vincerla...) ci consentirebbe di superarli in classifica, arrivare a quota trenta e guardare al futuro con ottimismo. Intanto Guarino è stato trasferito allo Scandicci, lo allenerà Mister Baiano per i prossimi mesi.

Ottimismo... io ce l'ho, i ragazzi di Mister Capuano raggiungeranno la salvezza, se la meritano, se la merita il Mister, ce la meritiamo noi. Meno ottimismo mi mette il futuro, perchè se l'oggi c'è, i sacrifici son stati fatti, i silenzi del Presidente Ferretti lasciano alcuni dubbi su quello che il signor Mauro vorrà fare da grande.

Ci si interroga se il Presidente abbia davvero compreso la differenza che passa tra il mondo dei dilettanti e quello professionistico; non c'è solo da mantenere la categoria, perchè Arezzo merita di tentare nuove avventure, la serie B non è una chimera, ma ci vuole quello che in città è mancato, storicamente, per fare il salto di qualità.... la programmazione.

Oltretutto, in prospettiva futura, il prossimo anno l'Arezzo sarà collocata nel girone B, quello che attualmente vede impegnate ben otto toscane, otto derby, sfide campanilistiche, non più i campi-salotto del girone A, ma tifoserie agguerrite, sfide dall'elevato agonismo, tutto molto bello, molto più affascinante, ma anche molto più impegnativo....e la società dovrà farsi trovare pronta.

Magari poi il Presidente ci sorprenderà, magari starà lavorando sotto traccia, ma tradurre i suoi silenzi è impresa davvero ardua e ognuno si sente di interpretarli a modo suo, ed è un casino.

Mi verrebbe voglia di fare un appello , quello di riempire il Città di Arezzo domenica prossima, di vedere la Curva Minghelli dei tempi d'oro, di spingere l'Arezzo verso la vittoria, perchè gli amaranto "han bisogno di noi" ...ma visto il lento ma inesorabile declino a livello numerico dalle prime giornate ad ora, mi viene solo voglia di chiedere la presenza di quelli che hanno a cuore i destini dell'Arezzo, voglio bene allo zoccolo duro.

Eppure eravamo in diecimila meno di quattro anni fa, ma io non mi chiedo dove sono adesso gli altri ottomila, settemila, seimila, cinquemila...ecco da questa cifra in poi comincio a chiedermelo.

Capitolo Arezzello. Portare l'Arezzo ad allenarsi alle porte di Arezzo, in provincia, ha destato stupore, meraviglia, l'Assessore ha nutrito dubbi sulla scelta di portare l'Arezzo in periferia; vorrei ricordare da aretino puro e da casentinese adottato, che la provincia di Arezzo, a parte tristissimi casi isolati, è amaranto! e che la provincia è sempre stata una parte numericamente importante delle presenze allo stadio.

Un centro sportivo a venti, trenta chilometri dal centro non sarebbe nulla di scandaloso, ed il coinvolgimento di altri comuni, magari, servirebbe da sprone all'immobilismo sportivo di Palazzo Cavallo.

Eziolino Capuano riuscirà nell'impresa di sedere per il secondo anno consecutivo sulla panchina dell'Arezzo? Sarebbe un record che resiste dai tempi di Serse Cosmi. L'augurio è che arrivi al più presto la sua conferma, lui ama Arezzo, Arezzo ama Eziolino, il Presidente ne tenga conto, ma soprattutto gli consenta di fare l'allenatore a tempo pieno, strutturando la società con un organico ben definito nei ruoli, magari evitando che escano fuori collaboratori, che spuntano fuori inaspettatamente.

Amen

Riccardo Bonelli





19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto