Il punto sui tre gironi di Lega Pro - 22' giornata

Pavia, Ascoli e Salernitana continuano a mantenere il primato nei rispettivi gironi. Ma l'equilibrio regna sovrano, non ci sono squadre ammazza campionato e la corsa alle prime quattro posizioni vede ancora un nutrito gruppo di squadre, per cui la lotta è ancora avvincente e ogni settimana il calendario propone incontri o meglio scontri da alta classifica.

E anche per quanto riguarda la zona play out, quella per evitare la retrocessione, la concorrenza è agguerrita, anche se Pordenone, Pro Patria, San Marino, Pro Piacenza, Aversa Normanna e Reggina sembrano avere poche possibilità di evitare la retrocessione diretta tra i dilettanti o, nella migliore delle ipotesi gli spareggi.

L'Arezzo di Mister Capuano spreca il secondo match point consecutivo e le sconfitte con Albinoleffe e Torres creano qualche apprensione; situazione ancora fluida grazie al tesoretto di punti conquistato nella prima parte di campionato, ma livello di guardia che si è alzato e la società è corsa ai ripari, risultando tra le piu' attive nel calciomercato.

GIRONE A

Tredici vittorie in ventidue incontri (solo il Benevento ha fatto meglio nei tre gironi), palma del migliore attacco in assoluto, questo è il biglietto da visita del Pavia che batte il Monza grazie ai gol di Ferretti e di Cesarini (curiosità vuole che abbia segnato al minuto novantadue, in zona....Cesarini). Per la squadra di Mister Maspero primato a quota 43 nonostante il punto di penalizzazione.

La quinta vittoria esterna conquistata a Monza contro la Giana Erminio consente al Bassano di mantenere il secondo posto a due punti dalla capolista.

Si riavvicina alla zona play off il Como a cui sembra aver fatto bene la cura Sabatini; i lariani, al Menti, vincono e sorpassano il Real Vicenza grazie ai gol di Castiglia e Scapuzzi che fissano il punteggio sullo zero a due.

Tredici punti nelle ultime cinque partite, è il miglior momento del Mantova; i virgiliani battono di misura il Lumezzane, diretta concorrente alla salvezza e si portano fuori della zona play out.

Saremo ripetitivi, ma ne vale la pena, l'Albinoleffe vince ed è tenuta ancora in vita da Matteo Momentè autore di undici reti, ricordiamo che in totale i lombardi di reti ne hanno fatte  dodici...incredibile!!

Momento no per l'Arezzo di Mister Ezio Capuano, che in terra sarda contro la Torres subìsce la seconda sconfitta consecutiva, oltretutto contro due dirette concorrenti alla lotta per la salvezza. La squadra toscana denota sintomi di stanchezza, soprattutto a livello mentale, un ripescaggio quando erano state giocate due giornate, acquisti fatti in soli due giorni, una preparazione approssimativa ed è arrivato il calo che, peraltro, un tecnico preparato ed esperto come Capuano, aveva ampiamente pronosticato.

La Pro Patria spreca tutto quello che era possibile sprecare e perde lo scontro diretto contro l'Albinoleffe e adesso l'ultima posizione, se pur in coabitazione con il Pordenone è un fatto reale a cui si deve aggiungere una situazione societaria che non lascia ben sperare la tifoseria bustocca e il gesto di Matteo Serafini di rifiutare la fascia di capitano è un sintomo di malessere.

GIRONE B

Segnatevi questi due nomi!! Alfredo Donnarumma 10 reti, Lapadula 9 reti, il totale fa diciannove reti in ventidue partite; sono i gemelli del gol del Teramo, in serie positiva da dodici giornate, vittoria casaliga sul Forlì per tre a uno (indovinate un po? due Donnarumma, uno Lapadula) e che mantiene il secondo posto in classifica.

Chi invece mantiene la vetta è l'Ascoli di mister Petrone, che cancellano la batosta subìta a L'Aquila della scorsa settimana, vincendo facile facile al Del Duca contro un arrendevole Tuttocuoio (4-1 con doppietta di Altinier).

Torna al successo la Reggiana che batte un coriaceo Grosseto, mantendo la terza posizione e staccando il Pisa costretto al pareggio dal Gubbio.

Non va oltre il pareggio casalingo il Prato di Mister Esposito, i risultati degli ultimi mesi sono stati deludenti, la squadra è precipitata al quart'ultimo posto, in piena zona play out ed i tifosi, domenica, hanno disertato lo stadio in segno di dissenso.

Aquila e Pisa non confermano i progressi evidenziati la scorsa settimana e se pur in trasferta, i pareggi suonano come sconfitte, visto i risultati positivi delle dirette concorrenti. A braccetto a quota 37 a cavallo della zona play off, ma perdendo due punti su Ascoli, Teramo e Reggiana.

GIRONE C

Vincono, contremporanemente, tutte e quattro le occupanti le prime posizioni e tutto rimane come prima; vittoria di rigore per il Benevento contro il Savoia, penalty decisivo trasformato da bomber Eusepi, giunto alla decima rete di questo campionato. E di rigore vince pure la Salernitana ad Aversa, massima punizione calciata e trasformata dal brasiliano Caetano, capocannoniere del girone con dodici reti.

Dopo il rinvio di sabato sera, causato dalla impraticabilità del terreno del Via del Mare , il giorno seguente il Lecce di Mister Pagliari batte il Matera e mantiene la quarta posizione; le reti portano la firma del sempre eterno Moscardelli e del nuovo arrivato Herrera.

Ed infine la Juve Stabia vince il suo dodicesimo incontro di questo campionato battendo una diretta concorrente come la Casertana (imbattuta da sei giornate) tenendo ben saldo un terzo posto meritato ed insperato.

Ennesima debacle per la Reggina, che perde malamente il "derby dello Stretto"; l'uno a quattro rimediato a Messina spegne quel minimo di entusiasmo creato dai nuovi arrivi in casa amaranto. Ultima posizione e spettro dei dilettanti sempre più vicino.

Peggior attacco, una delle difese più perforate, solo una vittoria nelle ventidue giornate disputate e l'ennesima sconfitta casalinga, se pur con la Salernitana, non consentono ai casertani di uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione; l'ultima posizione è a solo un punto e mancano pochissimi giorni alla chiusura di un mercato da cui sono attese buone notizie dal tecnico Marra e dalla tifoseria.

 

Riccardo Bonelli





18.02.2018 1290281

AREZZO E IL SUO ONORE ECCO COSA VOGLIAMO. CIARLATANI NON NE VOGLIAMO

 

Finisce con un pareggio, come al solito condito da recriminazioni su una vittoria ma [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

AREZZO-ALESSANDRIA, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,5 – Due gol presi, niente da imputargli, in compenso si esibisce in una p [...]

Leggi Tutto
11.02.2018 1290281

COSI’ NON SI VA LONTANO, NE IN CAMPO, NE FUORI…..FUORI LE PALLE E I SOLDI!!

 

Un punto in quattro partite, sfortuna, rimpalli, pali, menti dei [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

LUCCHESE-AREZZO, LE PAGELLE DI RICK

 

PERISAN – 6,0 – Poche, pochissime occasioni per mettersi in mostra; incolpevole sul gol, [...]

Leggi Tutto
02.02.2018 1290281

L’AREZZO DOMINA, MA E’ SOLO UN PARI CHE STA STRETTO AGLI AMARANTO

 

Ci risiamo, rischiando di essere ripetitivi e rischiando pure di passare da [...]

Leggi Tutto
28.01.2018 1290281

LE PAGELLE DI RICK AREZZO PIACENZA

 

PERISAN – 5,5 –  Malino, al momento non sembra avere e dare tranquillità e af [...]

Leggi Tutto