Ad una giornata dal termine del girone di andata nessuna squadra è sicura di diventare campione di inverno, tutti e tre i gironi si contraddistinguono per una lotta al vertice appassionante e con le prime cinque racchiuse in pochi punti; solo la Salernitana puo' vantare un vantaggio piu' consistente sulla seconda. " />

il punto sui tre gironi di lega pro 18esima giornata

IL PUNTO SULLA LEGA PRO - 18' GIORNATA

Ad una giornata dal termine del girone di andata nessuna squadra è sicura di diventare campione di inverno, tutti e tre i gironi si contraddistinguono per una lotta al vertice appassionante e con le prime cinque racchiuse in pochi punti; solo la Salernitana puo' vantare un vantaggio piu' consistente sulla seconda.

L'Arezzo di Eziolino Capuano conquista un meritatissimo e prestigioso pareggio costringendo il Novara grandi nomi sullo zero a zero; una iniezione di entusiasmo e fiducia nell'ambiete amaranto in vista della sosta natalizia e di un mercato alle porte che dovrebbe vedere l'Arezzo uscirne rinforzato.

GIRONE A

Decima vittoria quella conquistata a spese di un Monza decimato dai problemi societari e per il Bassano è di nuovo primato in classifica approfittando anche dei mezzi passi falsi di giornata di Novara ed Alessandria e della sconfitta casalinga del Pavia.

La squadra di Tonino Asta si fregia anche del migliore attacco del girone con 31 reti segnate e Pietribiasi è salito a quota otto nella classifica dei cannonieri guidata ancora  da Bruno.

Impresa della nuova Torres di Mister Vincenzo Cosco che sul terreno amico del Vanni Sanna riescono nell'impresa di ribaltare lo zero a due che la Cremonese le stava infliggendo, e vincere una partita che sembrava segnata e che avrebbe messo i sardi in una posizione di pericolo.

Impresa dell'Arezzo di Mister Capuano che dopo il pareggio di Monza, impone lo zero a zero alla ex capolista Novara che vede al Città di Arezzo interrompersi la striscia di vittorie.

Il Renate, confermandosi bestia nera dell'Alessandria, costringe al  pari casalingo i piemontesi e per i lombardi di Boldini è un punto d'oro che li fa uscire dalla zona play out.

La Cremonese, con l'arrivo di Giampaolo in panchina, sembra aver cambiato marcia; ma la doccia fredda era dietro l'angolo e la sconfitta con la Torres, dopo aver condotto per due a zero, ha fatto ripiombare la squadra negli antichi difetti che ne stanno compremettendo il campionato.

Dodicesima sconfitta per l'Albinoleffe, oltretutto contro una concorrente diretta alla salvezza quale è il Mantova; i lombardi vedono avvicinarsi pericolosamente il Pordenone  che, arginando l'impressionante sequenza di sconfitte consecutive, riesce nell'impresa di prendersi un punto contro il Real Vicenza e rilanciare un mino di speranza nerlla salvezza

Ancora una sconfitta casalinga per il Lumezzane che cede nettamente contro la Feralpi Salo' venendo risucchiata nella bagarre della zona play out.

GIRONE B -

Copertina d'obbligo per il Teramo  di Mister Vivarini che grazie ai gemelli del gol Donnarumma e Lapadula (otto gol a testa!) surclassano un Savona alla deriva con un secco quattro a zero ottengono l'ottavo risultato utile consecutivo e, approfittando della sconfitta della capolista Ascoli, si portano a due sole lunghezze dalla vetta.

Anche Pisa e L'Aquila si prendono tre punti importantissimi; gli uomini di Braglia  alzano la voce con autorevolezza nel derby contro il Tuttocuoio. Lo fanno con quattro gol e una prestazione convincente che li porta ad appena due punti dalla capolista.

Vittoria esterna sul difficile campo di Grosseto anche per gli abruzzesi de L'Aquila ed aggancio alla zona play out in una classifica che vede le prime cinque nel giro di soli tre punti.

Debacle Pistoiese, Il calcio è davvero strano. E non si potrebbe pensare diversamente, guardando l’incredibile 5 a 1 con cui la Spal va ad espugnare il campo di una delle squadre più in forma del girone B di Lega Pro. Un risultato inaspettato, per proporzioni che frena la rincorsa degli arancioni alla zona play off.

Con le quattro reti subìte a Teramo, il Savona diventa la peggior difesa del girone e per la squadra di Mister Aloisi, si avvicinano le zone pericolose.

La vittoria della Pro Piacenza, fanalino di coda, mette in apprensione il San Marino che subisce l'undicesima sconfitta stagionale a Forlì e vede assottigliarsi i ad un solo punto il vantaggio sull'ultimo posto, che vale la retrocessione diretta fra i dilettanti; il cambio della guida tecnica non ha portato grandi risultati e Mister Tazioli non è riuscito a dare quel cambio di marcia richiesto dalla dirigenza del Titano.

GIRONE C -

Il derby è rossoblu. La Casertana sbanca con grande personalità il 'Giraud' di Torre Annunziata. 3-0 al Savoia che non ammette repliche. Terza vittoria di fila e falchetti nuovamente lanciati nei quartieri alti della classifica.

Il predominio rossoblu non è mai stato messo in discussione ed I ragazzi di mister Campilongo hanno dettato legge dal primo all'ultimo minuto .

La Salernitana mantiene la vetta della classifica vincendo la gara all'Arechi contro un combattivo Messina; la rete di Bovo permette ai campani di conquistare la dodicesima vittoria stagionale e di mantenere tre punti di vantaggio sulla seconda, il Benevento del neoacquisto Gaetano D'Agostino che trascina i giallorossi al successo casalingo su un Cosenza che ha saputo tenere testa ai quotati avversari.

Sta perdendo il treno play off il lecce di Mister Lerda; quella di Ischia è la terza sconfitta consecutiva per i salentini ed il tecnico ha le ore contate con il toto allenatore che fa registrare il rialzo di quotazioni per Calori, Notaristefano e Torrente.

La vittoria dell'Aversa Normanna (3-1 alla Lupa Roma) e la contemporanea ennesima sconfitta della Reggina, fanno precipitare i calabresi nel baratro del dilettanti.

Nel derby calabrese con il Catanzaro (che mancava da 25 anni) la Reggina vede le tenebre della dodicesima sconfitta su diciotto gare ed i soli sei punti in classifica (quattro di penalizzazione) sono di cattivo presagio per il futuro della società amaranto.

Riccardo Bonelli

 




19.11.2017 1290281

AREZZO-CUNEO, LE PAGELLE DI  RICK

 

BORRA - S-V-  Tocca il primo pallone vero (si fa per dire) negli ultimi minuti di gioco. Un [...]

Leggi Tutto
19.11.2017 1290281

NOVANTOTTO MINUTI DI DOMINIO AMARANTO
VITTORIA NETTA E CONVINCENTE, ADESSO LE NOVITA' IN SETTIMANA E LA SFIDA DI SIENA

 

In vista di una settima [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

 

 

BORRA – 5,5 – Incolpevole sul gol, poi pochi pensieri gli creano gli avanti piacentini. Ma è quel senso di esco… non esc [...]

Leggi Tutto
12.11.2017 1290281

CI VORREBBE SIGMUND FREUD!!

 

Niente da fare …l’Arezzo dottor Jeckill-mister Hyde è tornato puntuale al Comunale.


Non [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

BORRA – 6,0 – Poco impegnato… pochissimo…. Quasi niente. Quel poco lo fa.

 

LUCIANI – 5,0 – Gioca co [...]

Leggi Tutto
08.11.2017 1290281

UN PUNTO, ZERO GIOCO, TANTA NOIA PER L’AREZZO CONTRO UN MODESTISSIMO GAVORRANO

 

Una percentuale di possesso palla altissimo, imbarazzante per l&rsqu [...]

Leggi Tutto